You are here: Focus and scope Issues from 2005 to 2018 Special Issue 2011 Special Issue 2011 LA COMUNICAZIONE DEL RISCHIO NATURALE ijege-special-11-presta-de-luca.pdf
Document Actions

ijege-special-11-presta-de-luca.pdf

background image
73
Italian Journal of Engineering Geology and Environment, Special Issue 1 (2011)
© Casa Editrice Università La Sapienza
www.ijege.uniroma1.it
DOI: 10.4408/IJEGE.2011-01.S-06
A
LDO
PRESTA
(*)
& G
IOVANNI
DE LUCA
(**)
(*)
Corso d’Italia, 69 - 87100 Cosenza, Italy - E-mail: presta@lacosa.net
(**)
Via M. Polo, 12 - 87065 Corigliano Calabro (CS), Italy - E-mail: deluca@lacosa.net
LA COMUNICAZIONE DEL RISCHIO NATURALE
THE COMMUNICATION OF NATURAL RISK
ABSTRACT
Oggi, sebbene le autorità preposte alla gestione del rischio natu-
rale dispongano di piani di comunicazione modulari e istituzionaliz-
zati, le prassi comunicative, durante tutti gli stadi della gestione del
rischio, spesso risultano essere frammentate, prive di codici standar-
dizzati e prive di una grammatica che le renda coerenti tra loro.
Nella migliore delle ipotesi ciò produce una comunicazione del
rischio ineffi cace.
Nella peggiore delle ipotesi una comunicazione che non è in gra-
do di avvalersi di un linguaggio sedimentato e condiviso può indurre
i destinatari della comunicazione stessa a pratiche rischiose.
Per questi motivi uno degli aspetti cruciali per la gestione del
rischio naturale risiede in una corretta progettazione e realizzazione
delle attività di comunicazione.
I modelli teorici di base sulle pratiche comunicative, evocati nel te-
sto a seguire, non servono soltanto a validare l’esigenza di una comuni-
cazione effi cace ma tendono a dimostrare come lo sguardo nell’attività
di ricerca sulla prevenzione e gestione del rischio idrogeologico debba
essere necessariamente allargato verso un approccio multidisciplinare.
Per questi motivi è auspicabile che esperti di comunicazione,
grafi ci, designer della comunicazione visiva vengano chiamati a in-
teragire con le amministrazioni, con la comunità degli specialisti a
programmare, progettare e a realizzare gli strumenti comunicativi per
una comunicazione effi cace del rischio naturale.
T
ERMINI
CHIAVE
: comunicazione del rischio naturale, effi cacia comunicativa
del rischio, comunicazione visiva del rischio, semiotica del rischio, design
dell’informazione di rischio, fattori psicosociali del rischio, fattori cognitivi e
percezione del rischio, piano comunale della comunicazione del rischio natu-
rale, multidisciplanarietà
COMUNICARE IL RISCHIO
DEFINIZIONE DEL RISCHIO
Il rischio è generalmente inteso come la probabilità di insorgenza di
effetti non desiderati nei riguardi di persone o beni in conseguenza di de-
terminati eventi. In ambito scientifi co il rischio è stato formalizzato in una
formula matematica, un’equazione che permette di delineare a contorni
netti il concetto del rischio in modo da poterlo applicare in differenti ambiti
ABSTRACT
Today, although the authorities responsible for the risk manage-
ment have modular and institutionalized plans of communication,
communicative practices, during all the stages of risk management,
often appear to be fragmented, with no standardized codes and with-
out a correct grammar that makes them coherent..
At best, this produces an ineffective risk communication.
At worst, a communication that is not able to make use of a con-
solidated and shared language can induce the receivers of the com-
munication itself to risky practices.
For these reasons, one of the crucial aspects for the management
of natural risk lies in a proper design and implementation of com-
munication activities.
The theoretical models based on communicative practices, and
mentioned in the text to follow, not only serve to validate the need for
an effective communication but tend to show how the study related to
the research on the prevention and management of hydrological risk
must necessarily be expanded towards a multidisciplinary approach.
For these reasons, it is desirable that communication experts,
graphic designers of visual communication are called to interact with
government, with the community of experts in order to plan, design
and implement communication tools for an effective communication
of natural risk.
K
EY
WORDS
: communication of natural risk, effectiveness of natural risk’s com-
munication, visual communication of risk, semiotic of risk, information design
of risk, psychosocial factors of risk, cognitive and perceptive factors of risk,
municipal media-plan of natural risk, multidisciplinarity
COMMUNICATING RISK
DEFINING RISK
Risk is generally understood as the probability of occurrence of
undesirable effects in respect of persons or property as a result of
certain events. In science the risk has been formalized into a math-
ematical formula, an equation that allows to defi ne a sharp edge, the
concept of risk so that it can be used in different disciplines, R = P * V
background image
LA COMUNICAZIONE DEL RISCHIO NATURALE
74
A. P
RESTA
& G. D
E
L
UCA
* E where for (R) means the risk for (P) danger, for (V) vulnerability
and (E) exposure.
This classic defi nition of risk is interpreted taking into account
that the DANGEROUSNESS refers to the probability of producing a
phenomenon of a certain extent, intensity and duration with
negative consequences. VULNERABILITY ,on the contrary, re-
fers to the impact of this phenomenon on society, while EXPOSURE
refers to the item, goods or human being that it may be, that must
endure the event, that is, may refl ect the number or type of human
presence or the value of natural and economic resources exposed to
a particular danger.
A defi nition of this kind of risk is certainly fl exible to the extent
that it should be used to defi ne the risk among different types of risks,
but although this is a summary of theoretical utility, the classical defi -
nition of risk appears to be insuffi cient and perfectible: an equation of
this type can lead to take into account the human factor as a passive
referent of the exposure to a risk and susceptible of a merely quantita-
tive analysis. In reality, a real formalisation of the defi nition of risk
should consider the human element as one of its factors, that is vari-
able and that is intended as an individual and social capacity to fi lter
each specifi c risk in a complex and unique way.
You could basically say that the weak link of the defi nition of risk
is just the EXPOSURE linked to the human presence, understood as
a cog in a structured mechanism, whose behaviour can certainly be
included in a forecasting model - to the extent that this model takes
into account the statistical analysis - but it must also be investigated
by the theoretical tools of modern human sciences now far from the
vanguard behaviourist.
DEFINITION OF NATURAL RISK
In particular, the natural risk, following the instances of the clas-
sical defi nition of risk, amplifi es the complexity of factors involved
in its formulation, because the exposure to a risk refers both to human
presence and to its natural context of life. For example, the danger
of a river fl ooding into the territories of a community, large or small
it may be, can put at risk not only the individuals who live in those
territories, but also everything that surrounds them and that allows
them to have a normal life. Given this consideration, the value of the
vulnerability is certainly very high. Besides, if one considers that the
balance between the natural and cultural - to be understood as the tie
between man and nature - is very delicate, increasing the danger may
have adverse effects that may reiterate exponentially over time.
For these reasons, the natural risk, in general, would be at the
forefront of all the risks that are, directly or indirectly, concerned with
human and natural life.
DEFINITION OF THE COMMUNICATION OF THE NATURAL RISK
It seems clear, therefore, the importance of risk management,
disciplinari, ovvero R= P*V*E dove per (R) si intende il RISCHIO, per (P)
PERICOLOSITA’, per (V) VULNERABILITA’ e per (E) ESPOSIZIONE.
Questa defi nizione classica del rischio viene interpretata tenen-
do conto che la PERICOLOSITA’ fa riferimento alla probabilità che
si produca un determinato fenomeno di una determinata estensione,
intensità e durata con conseguenze negative. La VULNERABILITA’
fa invece riferimento all’impatto del fenomeno sulla società, men-
tre l’ESPOSIZIONE si riferisce all’elemento, bene o essere umano
che sia, che deve sopportare l’evento, ovvero può essere ricondotto
al numero o alla tipologia di presenza umane o al valore delle risorse
naturali ed economiche esposte ad un determinato pericolo.
Una defi nizione del rischio di questo tipo è sicuramente fl essi-
bile nella misura in cui la stessa debba essere utilizzata per defi nire
il rischio rispetto a differenti tipi di pericolo, ma sebbene si tratti di
una sintesi di utilità teorica, la defi nizione classica del rischio ap-
pare essere insuffi ciente e perfettibile: un’equazione di questo tipo
può condurre a tenere conto del fattore umano come passivo referente
dell’esposizione ad un pericolo e suscettibile di analisi meramente
quantitativa. In realtà una formalizzazione corretta della defi nizione
del rischio dovrebbe considerare tra i suoi fattori l’elemento umano,
ovvero quella variabile intesa come capacità individuale e sociale di
fi ltrare in modo complesso e unico ogni specifi co pericolo.
Si potrebbe affermare che in sostanza l’anello debole della defi ni-
zione del rischio è proprio l’ESPOSIZIONE legata alla presenza umana,
intesa come ingranaggio di un meccanismo articolato, il cui comporta-
mento può certamente essere inserito all’interno di un modello previsio-
nale - nella misura in cui tale modello tenga conto di analisi statistiche
- ma deve essere altresì indagato con gli strumenti teorici delle moderne
scienze umane ormai lontane dalle avanguardie comportamentiste.
DEFINIZIONE DEL RISCHIO NATURALE
In particolare il rischio naturale, seguendo le istanze della defi ni-
zione classica del rischio, amplifi ca la complessità dei fattori interessati
nella sua formulazione perché l’esposizione ad un pericolo si riferisce
contemporaneamente alla presenza umana ed al suo contesto naturale
di vita. Ad esempio, il pericolo di un’esondazione di un fi ume che scor-
re nei territori di una comunità, grande o piccola che sia mette a rischio
non solo gli individui che abitano quei territori ma anche tutto ciò che li
circonda e che consente loro di condurre un’esistenza normale. Tenuto
conto di questa considerazione il valore della vulnerabilità è certamente
molto alto. Inoltre, se si considera che gli equilibri tra il mondo naturale
e culturale - da intendersi come i legami tra uomo e natura - sono mol-
to delicati, l’incremento della pericolosità può produrre effetti negativi
che possono reiterarsi in maniera esponenziale nel tempo.
Per questi motivi il rischio naturale, in generale, si attesterebbe
ai primi posti tra tutti i rischi che riguardano direttamente o indiretta-
mente la vita umana e naturale.
DEFINIZIONE DELLA COMUNICAZIONE DEL RISCHIO NATURALE
Appare evidente, quindi l’importanza di una gestione del rischio
background image
THE COMMUNICATION OF NATURAL RISK
75
Italian Journal of Engineering Geology and Environment, Special Issue 1 (2011)
© Casa Editrice Università La Sapienza
www.ijege.uniroma1.it
volta ad un ridimensionamento se non alla scomparsa del pericolo e
che tenga conto di tutti i fattori che intervengono nella sua costituzione.
In alcuni casi la gestione di un rischio, ad esempio un particolare
rischio epidemiologico, può collocare tra i suoi obiettivi ad alto tas-
so di fattibilità la scomparsa totale di uno specifi co pericolo, ovvero
l’estinzione di un virus e la cessazione di un’epidemia.
Nel caso del rischio naturale la possibilità di risolvere in modo positi-
vo la presenza di un pericolo può essere percorribile anche se non sempre
è così. Il rischio naturale infatti ha a che fare con pericolosità mutevoli,
talvolta imprevedibili e spesso reiterate nel tempo in modalità inedite.
Anche per questi motivi, la comunicazione del rischio naturale -
come del resto la comunicazione del rischio in genere - risulta essere
un tassello fondamentale per la gestione della pericolosità.
Ciò che deve inevitabilmente caratterizzare positivamente la co-
municazione del rischio è la sua effi cacia.
La comunicazione stessa, intesa come semplice trasferimento di
un’informazione o come sistema di interazione signifi cativa tra men-
ti, non può prescindere dalla sua effi cacia; se così non fosse, in un
certo senso si tratterebbe di una non-comunicazione ancor prima che
una comunicazione mancata.
Quindi una comunicazione del rischio può essere defi nita tale se
il pubblico cui essa è rivolta reagisce in maniera attiva dinanzi ad
uno stato di allerta, ovvero se avviene correttamente il trasferimento
di tutte le informazioni utili a indurre pratiche corrette di sicurezza.
In generale le comunicazioni differiscono in base alla complessità
dei messaggi che trasferiscono, in base alle qualità dei loro emittenti e
riceventi e in base alla tipologia dei canali utilizzati.
Ciò non è sempre direttamente proporzionale all’importanza e
all’effi cacia della comunicazione stessa. Infatti è la scelta comunica-
tiva che infl uisce in maniera diretta sulla strategia di comunicazione
e quindi sulla sua effi cacia.
Esiste un livello indicale della comunicazione che in un certo sen-
so risiede in modo naturale e spontaneo nel mondo circostante. Esiste
un livello iconico della comunicazione che fa leva sull’immaginario
collettivo e che spesso è in grado di rivolgersi ad un pubblico etero-
geneo, superando il limite della varietà dei codici. Esiste infi ne un
livello simbolico che sicuramente rispetto ai due precedenti livelli ha
il limite di essere arbitrario e fortemente radicato in una lingua o un
linguaggio, ma che ha una portata di signifi cato infi nitamente vasta.
Questi tre livelli, indicale, iconico e simbolico, - che spesso si
intersecano dando vita a dispositivi di comunicazione complessi - te-
stimoniano in prima battuta il problema delle varietà categoriali che
la comunicazione deve risolvere ancor prima di mettersi in atto.
Nell’ampio scenario che riguarda la comunicazione del rischio si al-
ternano, infatti, lunghissimi testi precettivi, diagrammi, illustrazioni, icone,
fi lmati, suoni, colori, forme che raccontano quali e di quali modalità deb-
bano essere ad esempio i comportamenti da adottare in caso di pericolo.
La comunicazione del rischio così si rimodula continuamente in
base al suo obiettivo specifi co passando da un livello all’altro, dalla
segnaletica ai piani di protezione della burocrazia.
which is aimed at a reduction, if not at the disappearance of the danger
and that takes into account all the factors involved in its formation. In
some cases, running a risk, for example, a particular epidemiological
risk, may place among its objectives a high rate of feasibility, that the
total eradication of a specifi c threat or extinction of a virus and the
cessation of an epidemic.
In the case of a natural risk the possibility of resolving it in a
positive manner, with the presence of danger can be practicable even
if it is not always possible. The natural risk in fact has to do with
changing risks sometimes unpredictable and often repeated over time
in uncommon ways.
For these reasons, the communication of natural risk - as the com-
munication of the risk in general - appears to be a fundamental build-
ing block for the management of dangerousness.
What must inevitably characterise the communication of the risk
successfully, is its effi ciency.
The communication itself as a straightforward transfer of informa-
tion or as a system of signifi cant interaction between minds, can not
be separated from its effectiveness; if it were not, in a certain sense, it
would be a non-communication even before a failed communication.
Therefore, a risk communication can be defi ned as such if the
public, to whom it is addressed, reacts actively before a state of alert,
or whether the transfer of all the information, useful to encourage
good practice of safety, is successful.
In general, communications differ according to the complexity of
the messages they convey, according to the quality of their issuers and
receivers and according to the type of channels used.
This is not always directly proportional to the importance and
effectiveness of the communication. In fact it is the communicative
choice which infl uences in a direct manner the communicative strat-
egy, and consequently its effectiveness.
There is an indexical level of communication that in a certain
sense resides in a natural and spontaneous way in the surrounding
world. There is an iconic level of communication that levers on the
collective imagination and that is often able to address to a heteroge-
neous audience, overcoming the limit of the variety of codes. There
is also a symbolic level that surely, compared to the two previous
levels, has the limit to be arbitrary and strongly rooted in a language,
but whose meaning is infi nitely vast.
These three levels, indexical, iconic and symbolic - which often
intersect giving birth to complex communication devices - testify, in
the fi rst instance, the problem of categorical varieties that communi-
cation needs to resolve even before beginning.
In the wide scenario that concerns the communication of risk ,
very long prescriptive texts, diagrams, illustrations, icons, videos,
sounds, colours, shapes are in fact alternated and they tell what pro-
cedures should be taken, for examples, in case of danger.
Risk communication is so continually reworked according to






























































its specifi c objective moving from one level to another, from the sign-
posting to the plans for the protection of the bureaucracy.
background image
LA COMUNICAZIONE DEL RISCHIO NATURALE
76
A. P
RESTA
& G. D
E
L
UCA
UN SISTEMA PERFETTIBILE.
In ogni caso i tre livelli descritti hanno una loro autonomia signifi -
cativa, quando vengono impiegati in maniera corretta. Un dispositivo se-
gnaletico che indica di aumentare il livello di attenzione perché ci si trova
in un luogo ad alto rischio idrogeologico, può funzionare autonomamen-
te se è progettato, realizzato e contestualizzato in maniera corretta; la sua
effi cacia è data, infatti, anche dalla possibilità che possa essere interpre-
tato velocemente ed universalmente, tanto è vero che tutti i dispositivi se-
gnaletici ben progettati si affi dano soprattutto al livello indicale/iconico.
Ma non sempre è così. Esistono casi di mal funzionamenti co-
municativi dovuti ad un utilizzo inconsapevole e frammetato dei co-
dici iconici standard. Nel web a questo proposito è possibile trovare
piani di comunicazione del rischio ambientale per i cittadini a cura
delle istituzioni municipali, provinciali e regionali che si avvalgono
di interpretazioni e riformulazioni errate dei codici standard e delle
elementari regole di buona comunicazione.
A PERFECTIBLE SYSTEM
In any case, the three levels described above, have their own sig-
nifi cant autonomy when they are used properly. A signal device that
indicates to increase the level of attention because we are in a high-
risk hydrogeological area, can work independently whether it is de-
signed, implemented and properly contextualised; its effectiveness is
given, in fact, also by the possibility that it may be interpreted quickly
and universally, so that all the well-designed signal devices rely on
the indexical / iconic level.
But it is not always the case. There are cases of malfunctioning
communication due to a fragmented and unknown use of standard
iconic codes. To this regard, on the web, you can fi nd communi-
cation plans, about the environmental risk, for the citizens by the
municipal, provincial and regional institutions, that make use of in-
correct interpretations and reformulations of the standard codes and
basic rules of good communication.
Fig. 1 - Formalizzazione
-
Formalization
background image
THE COMMUNICATION OF NATURAL RISK
77
Italian Journal of Engineering Geology and Environment, Special Issue 1 (2011)
© Casa Editrice Università La Sapienza
www.ijege.uniroma1.it
Ad esempio in un cartello utilizzato in una comunicazione della
protezione civile di Comune nella Regione Veneto - (a) lo sfasamen-
to spazio/temporale causato da un’errata disposizione degli elementi
grafi ci all’interno dell’icona, rende il messaggio ambiguo:
“Non uscire per nessuna ragione fi no al segnale di cessata emer-
genza”: la barra rossa del divieto, intesa come impedimento di ac-
cesso, in questo caso di uscita, posta dietro l’icona antropomorfa
suggerisce che il divieto debba intendersi in entrata, ovvero l’esatto
contrario dell’intenzione comunicativa iniziale.
In questo caso il messaggio, ha bisogno di un testo per essere
compreso. Il sistema iconico non è suffi ciente - anzi posto in questi
termini risulta essere ambiguo e depistante - per veicolare un messag-
gio complesso, soprattutto se mira a modifi care un comportamento.
Ancora, in una comunicazione della protezione civile di Comune
nella Regione Umbria - (b), il messaggio veicolato, come riportato
nel manuale è il seguente: “Cerca riparo all’interno di una porta in
un muro portante o sotto una trave. […] Non precipitarti fuori per le
scale: sono la parte più debole dell’edifi cio”.
Il segnale è ambiguo: la comprensione è impossibile poiché l’ico-
na scelta è utilizzata universalmente per indicare le uscite di sicurezza
e quindi ne risulta un messaggio fuorviante e confuso tra l’indicazio-
ne testuale e il suo tentativo di rappresentazione iconica, in quanto
prova a indicare al destinatario di adottare un comportamento con-
trario a quello suggerito dall’icona, anzi ne indica uno dannoso per
la sua incolumità. In questo caso il messaggio ha bisogno di essere
ancorato a un testo affi nché venga interpretato in maniera corretta,
specialmente se deve modifi care un comportamento.
IL PRINCIPIO DELLA COERENZA COMUNICATIVA
Sebbene i piani di comunicazione del rischio più importanti, ov-
vero la maggior parte quelli gestiti dalle istituzioni comunali e rivolti
For example, in a sign used in a communication by the civil pro-
tection in the Veneto Region - (a) the space/time discrepancy caused
by an incorrect disposal of the graphic elements inside the icon,
makes the message ambiguous:
“Do not leave for any reason until emergency signal has stopped”:
the red bar of the ban, intended as an impediment to access, in this
case exit, placed behind the anthropomorphic icon suggests that the
ban is meant in entrance, that is the opposite intention of the initial
communication.
In this case the message needs a text to be understood. The icon-
ic system is not enough - indeed it appears to be ambiguous and
misleading- to convey a complex message , especially if it aims to
modify a behaviour.
Besides, in a communication from the civil protection in the Um-
bria Region (b), the message conveyed, as reported in the manual is
as follows: “Seek shelter indoors, under a load-bearing wall or under
a beam. [...] Do not rush out to the stairs: they are the weakest part of
the building. “
The signal is ambiguous: and therefore understanding is impos-
sible because the chosen icon is universally used to indicate the emer-
gency so it follows a misleading and confused message between the
text and its attempt of iconic representation, because it tries to indi-
cate to the receiver to take a behaviour contrary to that suggested by
the icon, indeed it indicates a damaging one for its safety. In this case
the message needs to be anchored by a text and be interpreted cor-
rectly, especially if it has to change a behaviour.
COMMUNICATIVE’S COHERENCE
Although the most important plans of risk communication, or
most of those run by municipal institutions and addressed to small
Fig. 2 - Casi di comunicazione errata (a e b)
- Instances of incorrect communication (a and b)
background image
LA COMUNICAZIONE DEL RISCHIO NATURALE
78
A. P
RESTA
& G. D
E
L
UCA
alla piccole comunità, abbiano gli strumenti e le linee guida facenti
parte di un progetto di gestione modulare - nazionale-regionale-pro-
vinciale-comunale - per affrontare suffi cientemente la gestione del
pericolo, l’attuazione delle prassi comunicative avviene spesso senza
la dovuta consapevolezza che si agisce all’interno di un meccanismo
in cui tutte le componenti devono essere calibrate al fi ne di rispettare
il principio della coerenza comunicativa.
Ad esempio le comunicazione stradali e le comunicazioni dei ri-
schi più comuni non sono soltanto normate nella parte che riguarda
l’attribuzione delle competenze - come spesso accade per la comu-
nicazione del rischio naturale - ma possono fare affi damento ad una
sedimentazione ormai consolidata dei linguaggi utilizzati.
In questo senso, i codici iconici utilizzati nella parte fi nale e
più immediata della comunicazione stradale e dei rischi più comu-
ni sono oggi condivisi, fatte salve alcune eccezioni, nello scenario
internazionale.
Il rischio naturale, di contro, per ragioni storiche, culturali, buro-
cratiche non dispone di un codice standard che possa portare dall’at-
tuale stato di entropia e sovrapposizione di codici diversi e inadatti ad
uno stato di coerenza, ovvero di riconoscibilità ed effi cacia.
La persistenza di una parola nel vocabolario di una lingua è data
dal suo uso, in senso quantitativo. Analogamente la condivisione di
una serie di segni che possano attenere ad un codice largamente uti-
lizzato è dato dall’urgenza e dalla necessità comunicativa che riguar-
da una comunità larga.
Gli eventi di calamità naturale, legati ai cambiamenti climatici,
all’incuria dell’uomo o più semplicemente alla fi siologia territoriale,
proprio per il loro costante riproporsi, per il grande sforzo che parte
della comunità scientifi ca compie per giungere a modelli di previ-
sione sempre meno imprecisi, impongono l’urgenza e la necessità di
creare modelli effi cienti di comunicazione del rischio naturale.
Non è il caso attendere, come avviene per molti linguaggi, che la
comunicazione del rischio si stabilizzi a partire da un continuo oscil-
lare tra la sua dimensione diacronica e sincronica di senso.
L’APPROCCIO MULTIDISCIPLINARE
Per procedere quindi alla costruzione di sistemi di comunicazione
effi cace del rischio naturale, è necessario anzitutto allargare il campo
disciplinare in modo da coinvolgere saperi che sino ad oggi sono stati
in molti casi estranei all’indagine scientifi ca compiuta da chi si è oc-
cupato di gestire la comunicazione di un pericolo naturale.
Accanto agli studi tecnici e specialistici sulle cause e sugli effetti
del rischio naturale, dovrebbero trovare posto gli studi condotti da
ambiti di sapere che spaziano dalla psicolinguistica alla robotica, dal-
la semiotica alla grafi ca, dalle sociologie alle neuroscienze, dall’etica
alle scienze cognitive.
Ciò è necessario perché la comunicazione non presuppone mai
prassi ingenue o semplicistiche, soprattutto se si tratta di una comuni-
cazione il cui obiettivo è quello di salvare vite umane.
communities, have the tools and guidelines as part of a national-re-
gional-provincial-municipal- modular project management - to face
adequately the management of risk, the implementation of communi-
cative practice is often done without real knowledge that it acts within
a system where all components must be calibrated in order to respect
the principle of communicative coherence.
For example, the road communication and the communication of
common risks are not only regulated in the part concerning the at-
tribution of competences - as it often happens in the communication
of natural risk - but they can rely on a well-established sedimentation
of the used language.
In this sense, the iconic codes, used in the fi nal and more immedi-
ate part of the road communication and the most common risks, are
now shared, with certain exceptions, with the international scenario.
The natural risk, on the contrary, because of historical, cultural,
bureaucratic reasons, does not have a standard code that can lead,
from the current state of entropy and overlapping of different and
unsuited code, to a state of coherence, that is, recognisable and
effective.
The persistence of a word in the vocabulary of a language is given
by its use, in a quantitative sense. Similarly, sharing a series of signs
that may follow a code widely used is given by the urgency and the
necessity of communication that involves a large community.
The events of natural disasters, linked to climate changes, to hu-
man negligence or, more simply,to the territorial physiology, just for
their constant recurring, for the great effort that the scientifi c commu-
nity makes to arrive at forecasting models increasingly inaccurate ,
require the urgent need to develop effi cient models of communication
of natural risk.
There is no need to wait, as it happens with most languages, that
risk communication is stabilised starting from a continuous swinging
between its diachronic and synchronic dimension of sense.
THE MULTIDISCIPLINARY APPROACH
To proceed, to the construction of effi cient communication sys-
tem of natural risk, it is fi rst necessary to widen the disciplinary fi eld
so as to involve knowledge which, until now, have been, in many
cases, unrelated to scientifi c survey carried out by those who have
engaged in managing the communication of a natural risk.
Along with the technical and specialised studies on the causes
and effects of natural danger, studies ranging from robotics to psy-
cholinguistics, from semiotics to graphics, from sociology to neuro-
science, from cognitive science to ethics, should take place.
This is necessary because communication never imply naive or
simplistic practices , especially if it is a communication whose pur-
pose is to save human lives.
background image
THE COMMUNICATION OF NATURAL RISK
79
Italian Journal of Engineering Geology and Environment, Special Issue 1 (2011)
© Casa Editrice Università La Sapienza
www.ijege.uniroma1.it
LE APPLICAZIONI WEB BASED E MOBILE NELLA COMUNICA-
ZIONE DEL RISCHIO: ACCORCIARE LA CATENA COMUNICATI-
VA ATTRAVERSO I NEW MEDIA
L’esigenza di un approccio multidisciplinare non è data, in questo
caso, da una rivendicazione di accademia o da una ricerca di paternità
epistemologica all’interno del mondo della comunicazione del rischio
naturale. Allargando la collaborazione a tecnici, studiosi e scienzia-
ti della comunicazione è possibile rintracciare percorsi alternativi e
meglio orientati alla diminuzione del livello di pericolosità di eventi
naturali dannosi per l’uomo.
Ad esempio, dieci anni fa era impensabile, da parte delle istitu-
zioni pubbliche preposte alla comunicazione del rischio, avvalersi di
nuovi canali per accorciare e migliorare la catena comunicativa lungo
tutta la gestione del rischio.
Oggi, nei casi più virtuosi, le esperienze collaudate e fornite dai
new media rappresentano canali tanto effi cienti ed effi caci al punto di
costringere i progettisti a ripianifi care i classici piani media.
Non si tratta soltanto del passaggio dal fax all’e-mail, ma di tutta
una serie di opportunità legate al mondo delle applicazioni web based
e mobile, ovvero dai social network alle comunità per le simulazioni
virtuali, universi dove l’utilizzo delle interfacce comunicative rifl ette
l’alto profi lo di competenze impiegate.
Recentemente sono stati impiegati con profi tto sistemi di invio massi-
vo di mms e sms per la comunicazione del rischio naturale nelle zone ad
alto tasso di pericolosità negli USA. In altre zone invece, dove il digital
divide è praticamente inesistente, le autorità hanno utilizzato SeconLife
per le simulazioni di comportamento in caso di piena emergenza naturale.
FATTORI PSICOSOCIALI
LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO NELLA FASE DI CODIFICA E
DECODIFICA DEL MESSAGGIO
Una comunicazione del rischio per essere effi cace deve partire da
un’analisi approfondita del contesto in cui si inserisce, ovvero tenere
conto della natura di ogni singolo attante e delle relazioni di signifi ca-
to preesistenti e quelle in divenire.
Tra i fattori che più infl uenzano signifi cativamente la direzione
di una determinata scelta comunicativa in caso di pericolo per una
comunità, la variabile psicosociale è sicuramente cruciale nella prassi
comunicativa.
Il livello generale di complessità della comunicazione secondo
il suo modello postale canonico - mittente, messaggio e ricevente -
durante le azioni di codifi ca, decodifi ca e feedback, viene amplifi cato
nel caso della comunicazione del rischio. Infatti per sua stessa natura
la comunicazione del rischio, in molti casi, è rivolta ad un pubblico
talmente ampio ed eterogeneo, ovvero l’intera comunità, che la sud-
divisione del target non conosce alternativa rispetto alla necessità di
interagire con la comunità nella sua totalità.
Così le relazioni di senso esistenti e in divenire si moltiplicano
in modo esponenziale a partire da una dimensione biunivoca verso
una dimensione relazionale potenzialmente infi nita con ripercussioni
WEB BASED AND MOBILE APPLICATIONS IN RISK COMMU-
NICATION: TO SHORTEN THE CHAIN OF COMMUNICATION
THROUGH NEW MEDIA
The need for a multidisciplinary approach is not given, in this
case, by an academic claim or by a search of epistemological pater-
nity within the world of communication of natural risk. Extending
the cooperation to technicians, scholars and scientists of commu-
nication, it is possible to trace alternative and better paths directed
towards the reduction of the level of dangerousness of natural events
harmful to humans.
For example, ten years ago it was unthinkable, by the public in-
stitutions responsible for risk communication, using new channels to
shorten and improve the communicative chain throughout the risk
management.
Today, in the most virtuous cases, proven experience provided by
new media are so effi cient and effective channels to the point of forc-
ing designers to reschedule the traditional media plans.
It is not only the transition from fax to e-mail, but a whole series
of opportunities linked to the world of based and mobile web applica-
tions, that is, from social network to communities for virtual simula-
tions, worlds where the use of communication interfaces refl ects the
high profi le of used skills.
Recently, systems of sending MMS and SMS to communicate
the natural risk in areas with a very high rate of danger, in the U.S.A,
have been used successfully. In other areas, on the contrary, where the
digital divide is almost inexistent , the authorities have used Secon-
Life to simulate a behaviour in case of full natural emergency.
PSYCHOSOCIAL FACTORS
RISK ASSESSMENT IN THE PROCESS OF ENCODING AND DE-
CODING OF THE MESSAGE
To be effective, Risk Communication must begin with a deep
analysis of the context that is, to take into account the nature of each
subject, and of the relationships of pre-existing meaning and those in
becoming.
Among the factors that most signifi cantly affect the direction of
a particular choice of communication in case of danger to a commu-
nity, the psychosocial variable is certainly crucial in the communica-
tive practice.
The general level of complexity of communication, according
to its canonical postal model - sender, message and receiver - dur-
ing the actions of encoding, decoding and feedback, is amplifi ed in
case of risk communication. Indeed, by its very nature, risk com-
munications, in many cases, is directed to an audience so large and
heterogeneous, that is the entire community, that the division of the
target does not know an alternative to the need of interacting with the
community as a whole.
So, the relationship of sense, existing and becoming, multiply ex-
ponentially from two-way dimension towards a relational dimension
potentially infi nite with gross effects on the contours of the identity
background image
LA COMUNICAZIONE DEL RISCHIO NATURALE
80
A. P
RESTA
& G. D
E
L
UCA
macroscopiche sui contorni dell’identità di ogni singolo attante.
Inoltre la dimensione patemica, individuale e collettiva, della
variabile psicosociale rende ancora più complessa la valutazione di
strategie comunicative effi caci.
Una comunicazione, nel rispetto del principio di coerenza, deve
la sua effi cacia al suo livello di attuabilità rispetto alle differenze cul-
turali, qualitative e quantitative dei riceventi. Esistono diversi gradi
di consapevolezza, competenza, sensibilità rispetto al pericolo, al
rischio e all’emergenza. Esistono diverse grandezze che riguardano
la comunità dei destinatari di una comunicazione del rischio. Il ri-
schio ha a che fare sempre con le sfere della coscienza individuale e
collettiva, con le sfere della memoria umana e dei suoi meccanismi
di difesa e delle sue abitudini e di ciò è necessario tenere conto per
una valutazione corretta dei comportamenti volta alla diminuzione di
dannosità di tutti i rischi.
Per questi motivi è necessario una progettazione integrata e modula-
re della comunicazione che permetta di integrare o sottrarre unità di si-
gnifi cato senza svalutare l’effi cacia dell’impianto comunicativo stesso.
LA GESTIONE DELLA COMUNICAZIONE DEL RISCHIO DA PAR-
TE DEI MEDIA CLASSICI E ISTITUZIONALI
La variabile psicosociale dei destinatari come fattore discrimi-
nante per una comunicazione effi cace è strettamente legata anche
alla natura degli emittenti. Uno degli aspetti più signifi cativi riguarda
l’autorevolezza della fonte.
Non a caso i gestori designati alla comunicazione del rischio sono
di carattere pubblico e istituzionale.
È necessario tenere presente che ogni attività di comunicazione del ri-
schio si sviluppa all’interno di uno scenario che coinvolge direttamente o
indirettamente le macchine di informazione di una determinata comunità.
Queste non sempre dispongono di strumenti adeguati per informare in ma-
niera corretta i destinatari della comunicazione del rischio. Ad esempio, du-
rante gli stati di emergenza l’informazione giornalistica tende spesso ad af-
frontare la cronaca dell’evento mescolandola ad indicazioni e procedure di
comportamento errati, creando nel peggiore dei casi vere e proprie psicosi.
In questi casi l’autorevolezza della fonte è sostituita dall’autore-
volezza e dalla capacità del canale. I media classici oggi rappresenta-
no un cluster di tanti canali la cui effi cacia viene misurata esclusiva-
mente sulla base della loro quantità d’uso.
Le diffi coltà legate al mantenimento e al consolidamento dell’au-
torevolezza della fonte vedono in prima linea la gestione dei falsi
allarmi lungo la catena comunicativa del rischio.
Il falso allarme presuppone un rischio mancato ma non cessato. Si
tratta di una eventualità insita nella comunicazione stessa.
Comunicare può signifi care infatti rimodulare costantemente il
messaggio. Quando si verifi ca un falso allarme la catena di comunica-
zione non si interrompe ma prende semplicemente una strada inedita.
Questo signifi ca che l’attività del mittente deve essere comunque
rivolta al mantenimento di una soglia alta di attenzione e coinvolgi-
mento da parte del ricevente rispetto al rischio.
of each subject.
Furthermore, the individual and collective dimension of the psy-
chosocial variables makes the evaluation of effective communication
strategies even more complex.
A communication, with respect to the principle of coherence, owes
its effectiveness to its level of feasibility compared to the cultural,
qualitative and quantitative differences of receivers. There are differ-
ent degrees of awareness, competence, sensitivity against the danger,
the risk and the emergency. There are various sizes which concern the
community of receivers of a risk communication. The risk always has
to do with the spheres of the individual and collective consciousness,
with the spheres of human memory and its means of defence, its habits
and with what is necessary to take into account for a correct assessment
of the behaviour aiming to the reduction of harm of all the risks.
For these reasons, it is necessary to develop an integrated and
modular communication that allows the integration or subtract units
of meaning without diminishing the effectiveness of the communica-
tion itself.
THE MANAGEMENT OF RISK COMMUNICATION ON THE PART
OF TRADITIONAL AND INSTITUTIONAL MEDIA
The psychosocial variables of receivers, as discriminating factors
for an effective communication, is also closely linked to the nature of
senders. One of the most signifi cant aspects concerns the authorita-
tiveness of the source.
It is not without reason that the managers, designated to risk com-
munications, are of public and institutional nature.
Its useful to know that all activities relating to risk communi-
cation is set in a scenario that involves, directly or indirectly, the
means of information of a particular community. These do not al-
ways have the appropriate tools to inform the receivers of the risk
communication properly . For example, during states of emergen-
cy, the news report often tends to deal with the story of the event
mixing instructions and procedures of wrong behaviour, making at
worst actual psychosis.
In these cases, the authoritativeness of the source is replaced by
the authority and capacity of the channel. The traditional media today
represent a cluster of many channels whose effectiveness is measured
solely on the basis of their quantity of use.
The diffi culties related to the maintenance and consolidation
of the authority of the source see, at fi rst, the management of false
alarms along the communicative chain of risk.
The false alarm presumes a failed but not ceased risk. It is a pos-
sibility inherent in the Communication itself.
To communicate can mean , in fact, to reshape the message con-
stantly. When there is a false alarm, the chain of communication is not
interrupted but simply takes a new road.
This means that the activity of the sender must still be addressed
to maintaining a high threshold of attention and involvement by the
receiver against the risk.
background image
THE COMMUNICATION OF NATURAL RISK
81
Italian Journal of Engineering Geology and Environment, Special Issue 1 (2011)
© Casa Editrice Università La Sapienza
www.ijege.uniroma1.it
Per questi motivi i gestori designati alla comunicazione del ri-
schio sono costretti sempre più a riconsiderare gli spazi e le modalità
dell’agire comunicativo istituzionale.
FATTORI COGNITIVO-PERCETTIVI
L’IMPORTANZA DELLE IMMAGINI NELLA COMUNICAZIONE
DEL RISCHIO NATURALE
La comunicazione in genere è affi data a più registri che coinci-
dono con i nostri sensi e loro relazioni. Si comunica stimolando o co-
munque mettendo in azione e/o relazione i meccanismi della visione,
del tatto, dell’olfatto, dell’udito e del gusto.
A prescindere dalla quantità dei sensi coinvolti e dalla qualità del-
le loro relazioni sinestesiche, la comunicazione intelligente sceglie i
giusti fi ltri di codifi ca e decodifi ca per ciascun messaggio da veico-
lare. In particolare esistono condizioni di contesto che impongono la
scelta di un registro piuttosto che un altro.
Nel caso della comunicazione del rischio, intervengono a seconda
delle fasi registri visivi, sonori, testuali che connotano al comunica-
zione ancor prima che questa possa veicolare un messaggio.
La scelta di un particolare registro è fatta sulla base di studi e
ricerche che attraversano secoli di storia della scienza.
Per questo motivo affrontare la comunicazione del rischio in ma-
niera multidisciplinare è un’opportunità da non perdere.
Ad esempio gli studi condotti sulla lettura che hanno portato alla
separazione dei concetti di Legibility e Readability secondo la dicoto-
mia vedere-guardare, lo studio sul processo della visione e il passaggio
dalle due dimensioni alle tre dimensioni nella catena del riconoscimen-
to delle forme fi no alle teorie del marketing e dell’intelligenza artifi cia-
le sull’eye-tracking, possono costituire un strumento molto utile nella
scelta del registro comunicativo in base a particolari occorrenze.
Forma, colore, luce, rapporto fi gura/sfondo e modelli di scrittura
non lineare, come le mappe non procedurali, devono costituire i pre-
requisiti di sapere per una comunicazione effi cace del rischio, soprat-
tutto quello naturale.
For these reasons, the managers designed to the communication
of risk are increasingly forced to reconsider the spaces and modalities
of communicative institutional acting.
COGNITIVE-PERCEPTIVE FACTORS
THE IMPORTANCE OF IMAGES IN THE NATURAL COMMUNI-
CATION OF RISK
The communication is usually assigned to different records that
coincide with our senses and their relations. We communicate stimu-
lating or otherwise put into action and / or report the mechanisms of
vision, touch, smell, hearing and taste.
Regardless of the amount of the senses involved and the quality
of their synesthesia relationships, intelligent communication chooses
the right encoding and decoding fi lters for each message to convey. In
particular, there are contextual conditions that impose the choice of a
register rather than another.
In the case of risk communication, according to the different
phases, visual, sound and text register, that characterize the commu-
nication even before it can convey a message, are involved.
The choice of a particular register is made on the basis of stud-
ies and research that develop through centuries of history of science.
For this reason, to face the risk communication in a multidiscipli-
nary approach, is an opportunity you can’t miss.
For example, studies on reading that led to the separation of the
concepts of Legibility and Readability according to the dichotomy
see-look, the study on the process of vision and the transition from
two dimensions to three dimensions in the chain of pattern recogni-
tion to the theories of Marketing and artifi cial intelligence and on the
eye -tracking, can be a very useful tool in choosing the communica-
tive register based on specifi c occurrences.
Shape, colour, light, fi gure / background relationship and non-
linear writing patterns, such as non-procedural maps, must create the
prerequisites of knowledge for an effective communication of risk,
especially the natural one.
Fig. 3 - Principali momenti della comunicazio-
ne del rischio e il falso allarme
- Main stages of risk communication
and the false alarm
background image
LA COMUNICAZIONE DEL RISCHIO NATURALE
82
A. P
RESTA
& G. D
E
L
UCA
Tutta la tradizione della Gestalt e dei risultati degli studi sulla per-
cezione, indicano come il registro visivo sia tra i più potenti e versatili.
Spesso le immagini raccontano, spiegano, ordinano senza spendere una
parola. Basta pensare a quanto sono importanti nei piani della comuni-
cazione del rischio le mappe che indicano i luoghi di soccorso, di uscita
sicura. Basta pensare a quanto sono importanti i dispositivi segnaletici
posti in prossimità delle zone dove il pericolo è in corso o atteso.
La vasta portata epistemologica che riguarda la progettazione di que-
sti dispositivi di comunicazione da un lato e la mancanza di un’omoge-
neità codifi cata e condivisa dalla comunità dall’altro lato, deve far rifl et-
tere gli organi preposti alla comunicazione del rischio sulla necessità di
riconsiderare alcuni passaggi della catena di comunicazione in maniera
più precisa affi dando segmenti specifi ci a specifi che competenze.
UNA RILETTURA DEL MODELLO DELLA COMUNI-
CAZIONE DEL RISCHIO NATURALE NEI COMUNI
ANALISI DEL MODELLO STANDARD DI RISCHIO NATURALE
DELLA PROTEZIONE CIVILE - LIVELLO COMUNALE - SECON-
DO LE PRASSI INDICATE DAL MODELLO POSTALE DELLA
COMUNICAZIONE
Sulla base delle questioni introdotte fi no ad ora è possibile schematiz-
zare sinteticamente una catena tipo di comunicazione di rischio. Lo sche-
ma che segue non solo rappresenta una sintesi elencata per step signifi ca-
tivi ma tenta di offrire uno sguardo più ampio rispetto alle procedure già
disciplinate dai piani di protezione civile comunale nei quali risulta chiara
l’attribuzione dei compiti e delle relative competenze ma anche il limite di
una struttura a compartimenti stagni tra un passaggio e l’altro.
In defi nitiva, l’operazione di sintesi di un processo comunicativo
di rischio effettuata sulla base di un paradigma teorico come il mo-
dello postale della comunicazione può essere utile per aprire nuove
discussioni intorno al tema della comunicazione del rischio affi nchè
possa diventare sempre più effi ciente.
MITTENTE - ISTITUZIONE COMUNALE
Il Sindaco è l’autorità responsabile della gestione dei soccorsi sul
territorio di propria giurisdizione in raccordo con il Prefetto. Deve
coordinare l’impiego di tutte le forze necessarie.
AUTOREVOLEZZA DELLA FONTE. Le istituzioni devo-
no creare un rapporto di fi ducia in tutte le fasi precedenti a quella
dell’emergenza con la cittadinanza. La funzione emotiva del mittente
deve rispondere ad un bisogno di sicurezza psicologica.
RICEVENTE - POPOLAZIONE LOCALE
I cittadini di ogni genere ed età sono i destinatari della comunica-
zione di rischio. È necessario tenere in considerazione l’eterogeneità
dei riceventi rispetto alle questioni logistiche e psicosociali.
CONSAPEVOLEZZA DEL RISCHIO. La cittadinanza deve ave-
re consapevolezza del pericolo nella sua dimensione storica, indivi-
duale e collettiva.
All the tradition of Gestalt and the results of studies on percep-
tion, show how the visual register is the most powerful and versatile.
The images often tell, explain, order without spending a word.. Just
think of how important maps , indicating the places of aid and emer-
gency, are in the plans of the communication of risk. Just think of how
important warning devices placed near the areas where the danger is
in progress or expected.
The epistemological importance that concerns the design of these
communication devices on one hand and the lack of homogeneity
codifi ed and shared by the community on the other hand, has to let the
institutions, involved in risk communication, refl ect on the need of
considering some of steps of the communicative chain more precisely
assigning specifi c segments to specifi c skills.
REREADING THE MODEL OF COMMUNICATION OF
NATURAL RISK IN CITIES
ANALYSIS OF THE STANDARD MODEL OF NATURAL RISK OF
CIVIL PROTECTION - THE MUNICIPAL LEVEL - ACCORDING
TO THE PRACTICES SUGGESTED BY THE POSTAL MODEL OF
COMMUNICATION
On the basis of the issues brought up to now it is possible to out-
line briefl y a chain - type of communication of risk. The following
diagram not only represents a synthesis listed according signifi cant
steps, but it tries to offer a broader look towards the procedures al-
ready disciplined by the municipal civil protection plans, whereby it
is clear the distribution of tasks and relative skills but also the limit of
a compartmentalized structure from a passage to another.
Ultimately, the task of synthesis of a risk communication process
made on the bases of a theoretical paradigm as the model of postal
communication, can be useful to open new discussions about the top-
ic of risk communication in order to become more effi cient.
SENDER> LOCAL INSTITUTION
The Mayor is the authority responsible for managing the relief in
the territory of its jurisdiction in connection with the Prefect. He must
coordinate the use of all necessary forces.
Authoritativeness of the sources. Institutions must inspire trust in
the inhabitants during all the previous stages to the emergency. The
emotional function of the sender must respond to a need for psycho-
logical security.
RECEIVER> LOCAL POPULATION
The citizens of all ages and types are the receivers of the com-
munication of risk. You must take into account the heterogeneity of
receivers in relation to logistical and psycho-social issues.
Risk awareness. The citizens must be aware of the danger in its
historical, individual and collective dimension.
background image
THE COMMUNICATION OF NATURAL RISK
83
Italian Journal of Engineering Geology and Environment, Special Issue 1 (2011)
© Casa Editrice Università La Sapienza
www.ijege.uniroma1.it
CONTEXT> EMERGENCY
The communication takes place in a dramatic context where other fac-
tors, linked to the modality and time of issuing and receiving messages ac-
cording to the prevailing emotional and conative function, come into play.
Collective mind. The most important aspect of an emergency
context is the collectivity of people living with the emergency itself.
It is useful to consider this collectivity as a multi-cognitive system
rather than a numerical sum..
CODE> STANDARD
Communication is based on a code considered as a normative and
linguistic category, shared by all the subjects.
It is a pre-requisite without which no communication can be ef-
fective.
VISION. Sharing practices to face an emergency is to be immedi-
ate if the code used is mostly visual (icons, maps, diagrams, symbolic
systems, illustrations, etc. ...)
CHANNEL> MEDIA
Messages of an effective communication of risk are transmitted
through a media system diversifi ed on the bases of the urgency and
complexity of the context and the receivers.
Multiplicity. Channels, by their nature, are fi lled with the mes-
sage, and they often characterized them specifi cally.
The multiplicity of media can answer this need of diversifi cation,
even for a single message.
MESSAGE> OPERATIONAL PLAN
The message is directed to the shift from the theoretical to the
practical dimension in the management of the emergency, that is,
how, where, when and what people need to do.
CONTESTO - EMERGENZA
L’azione di comunicazione si svolge in un contesto drammatico dove
entrano in gioco diversi fattori legati alle modalità e ai tempi di emissione
e ricezione dei messaggi a prevalente funzione emotiva e conativa.
MENTE COLLETTIVA. L’aspetto più rilevante di un contesto
d’emergenza è dato dalla collettività delle persone che vivono l’emer-
genza stessa. È bene considerare questa collettività come sistema
multi-cognitivo piuttosto che somma numerica.
CODICE - STANDARD
L’azione di comunicazione si basa su un codice, inteso come cate-
goria normativa e lingustica, condiviso da tutti gli attanti.
Si tratta di un pre-requisito senza il quale nessuna comunicazione
può essere effi cace.
VISIONE. La condivisione delle prassi per affrontare un’emer-
genza risulta essere immediata se il codice utilizzato è per lo più visi-
vo (icone, mappe, schemi, sistemi simbolici, illustrazioni ecc…)
CANALE - I MEZZI DI COMUNICAZIONE
I messaggi di una comunicazione effi cace del rischio vengono
veicolati attraverso un sistema media diversifi cato in ragione dell’ur-
genza e della complessità del contesto e dei destinatari.
MOLTEPLICITÀ. I canali per loro natura si compenetrano con il
messaggio, spesso caratterizzandolo specifi camente.
La molteplicità dei mezzi può rispondere a questa esigenza di di-
versifi cazione, anche per un singolo messaggio.
MESSAGGIO - PIANO OPERATIVO
Il messaggio è fi nalizzato ad uno spostamento dalla dimensione
teorica a quella pratica durante la gestione dell’emergenza, ovvero
cosa, come, dove e quando i cittadini devono fare.
Fig. 4 - Il modello postale della comunica-
zione del rischio
- The postal model of risk communi-
cation
background image
LA COMUNICAZIONE DEL RISCHIO NATURALE
84
A. P
RESTA
& G. D
E
L
UCA
EFFICACIA. Un messaggio semplice, nella sua formulazione sintatti-
ca visiva e testuale e accessibile, nella sua dimensione materiale e cognitiva.
MENTE - PERCEZIONE
La percezione del rischio e dell’emergenza è regolata dalla quali-
tà e dalla quantità dei dati INTROCETTIVI (mente) PROPRIOCET-
TIVI (corpo) ed ESTEROCETTIVI (mondo).
Una comunicazione ineffi cace del rischio in emergenza tiene con-
to solo dei dati che riguardano il mondo esterno.
Considerare anche i dati della mente e del corpo signifi ca costruire
meccanismi comunicativi polisensoriali, che tengano conto delle infl uen-
ze delle abitudini, dei sensi, della sfera emotiva sui comportamenti umani.
CODIFICA E DECODIFICA - MULTIDISCIPLINARIETÀ
I processi di costruzione/decostruzione di un segno, o più in gene-
rale di un messaggio sono affi dati alle discipline semiotiche.
Queste ci hanno restituito dei modelli di analisi dei processi di
comunicazione, nei loro livelli sia superfi ciali che profondi.
Utilizzare le evidenze di questi studi aumenta, soprattutto nella fase
di codifi ca, il grado di successo della comunicazione di rischio naturale.
Inoltre il design della comunicazione visiva interviene nel modulare di-
spositivi informativi effi caci grazie ad un utilizzo consapevole e validato
dei segni. Grazie ad una delle frontiere più interessanti dell’information
design è possibile realizzare, a seconda dell’utilità, sistemi di comunica-
zione a forte vocazione estesica (che colpiscano i sensi in maniera indi-
pendente), polisensoriale (che colpiscano i sensi in maniera sistemica)
sinestesica (che colpiscano i sensi in maniera interdipendente).
VERSO UNO STANDARD
La comunicazione del rischio, e nella fattispecie di quello idro-
geologico, a seconda delle sue fasi - sensibilizzazione, pre-allerta, al-
lerta, emergenza e post-evento - vede l’intervento di quattro categorie
di attori differenti: istituzioni pubbliche, comunità scientifi ca, sistema
dei media e cittadinanza.
Oggi sono le istituzioni pubbliche che si occupano di gestire, or-
ganizzare e coordinare delle risposte effi caci al rischio naturale. In
merito a questa attività, molti comuni sono dotati di modelli e proce-
dure per le attività preparatorie e di intervento in caso di emergenza.
Questo lavoro viene svolto in sinergia tra i comuni, le prefetture le
province, le regioni e le protezioni civili dei territori interessati dal
rischio naturale e i modelli applicati per la comunicazione interna
sono pressoché di natura burocratica.
Inoltre c’è da dire che il campo di studi sulla comunicazione di
rischio è assai dispersivo.
Quando si parla di comunicazione di rischio, infatti, scienza, tecni-
ca e umanistica intervengono portando in dote teorie e modelli di ana-
lisi. Raramente la comunità scientifi ca, però, contribuisce con i saperi
specifi ci a creare un modello di conoscenza condiviso e integrato.
Per questo è importante il contributo che possono dare agli stu-
diosi del rischio idrogeologico, discipline apparentemente estranee
EFFECTIVE.NESS. A simple message, in its textual,visual, acces-
sible and syntactic formulation, in its material and cognitive dimension.
MIND> PERCEPTION
The perception of risk and emergency is governed by the quality
and quantity of data INTROCEptiVe (mind) Proprioceptive (body)
and ESTEROCEptVe (world).
An ineffective risk communication in emergency takes into ac-
count only the data regarding the external world.
To consider also the data of the mind and body is to create multi-
sensory communicative mechanisms, which take into account the in-
fl uences of habit, senses, emotions on human behaviour.
CODING AND DECODING - MULTIDISCIPLINARY SYSTEM
The process of construction / deconstruction of a sign, or more
generally of a message are entrusted to semiotic disciplines.
They returned models of analysis of communication processes
both in their superfi cial and deep levels.
Using the evidence of these studies, especially in the coding
phase, increases the degree of success of the communication of natu-
ral risk. Besides, the design of visual communication takes part in
modulating effective information devices through a conscious and
validated use of signs. Thanks to one of the most interesting frontiers
of Information design and according to the utility, communication
systems with a strong estetic vocation (affecting the senses independ-
ently), multi-sensory (affecting the senses as a system) synesthesia (
affecting the senses interdependently), can be realized.
TOWARDS A STANDARD
Risk communication, and particularly the hydrogeological one ,
according to its phases - awareness, pre-alert, alert, emergency and
post-event - see the involvement of four different categories of ac-
tors: public institutions, the scientifi c community, media system and
citizenship.
Today the public institutions manage, organize and coordinate
effective answers to natural risk. With regard to this activity, many
municipalities have models and procedures for preparatory and in-
tervention activities in case of emergency. This work is carried out in
synergy with municipalities, prefectures, provinces, regions and civil
protections of the areas concerned with the natural risk and the mod-
els used for internal communication are almost bureaucratic.
Besides, it is useful to say that the fi eld of studies about commu-
nication risk is very dispersive.
When we talk about communication of risk, in fact, science, tech-
nology and humanties take part with theories and models of analysis.
Seldom the scientifi c community, however, helps with the specifi c
knowledge tin order to create a model of knowledge shared and in-
tegrated.
For this reason it is important the contribution that disciplines
apparently not involved in risk management- from neuroscience to
background image
THE COMMUNICATION OF NATURAL RISK
85
Italian Journal of Engineering Geology and Environment, Special Issue 1 (2011)
© Casa Editrice Università La Sapienza
www.ijege.uniroma1.it
information design -which provide the theoretical and technical basis
and research for the formalization of functional and operating com-
municative devices, can give to the experts of hydrogeological risk.
Over the years, the institutions responsible of the preparatory
work and procedures of intervention in an emergency made great
strides in improving the quality of communication before, during and
after the emergency.
But there are still many local governments that consider com-
munication activities as a mechanical performance of the procedures
suggested by the business plans of civil protection.
Thus, the concerned authorities can not expect that a communica-
tion based on rigid paradigms and bureaucratic practices can answer
the need of an effective communication of risk.
alla gestione del rischio - dalle neuroscienze all’information design
- le quali offrono la base teorica e tecnica e di ricerca per la formaliz-
zazione di dispositivi comunicativi funzionali e funzionanti.
Negli anni le istituzioni preposte all’attività preparatoria ed alle
procedure di intervento in caso di emergenza hanno fatto molti passi
in avanti migliorando la qualità della comunicazione prima, durante
e dopo l’emergenza.
Restano comunque molte le amministrazioni locali che conside-
rano le attività di comunicazione come un meccanico svolgimento
delle procedure suggerite dai piani di attività della protezione civile.
Così, le autorità interessate non possono attendersi che una co-
municazione basata su paradigmi rigidi e pratiche burocratiche possa
rispondere all’esigenza di una comunicazione effi cace del rischio.
OPERE CITATE / REFERENCES
B
AUDRILLARD
J. (1976) - L’echange symbolique et la mort. Paris, Gallimard.
C
HOMSKY
N. (1988) - Language and Problems of Knowledge. The Managua Lectures, Cambridge, The MIT press, traduzione italiana: Linguaggio e problemi della
conoscenza. Bologna, Il Mulino, 1991.
C
IMATTI
F. & G
ENSINI
S. (1999) - Manuale della comunicazione. Roma, Carocci.
Eco U. (a cura di) (1972) - Estetica e teoria dell’informazione. Bompiani, Milano.
F
ABBRI
P. & M
ARRONE
G. (2001) - Semiotica in nuce vol. II Teoria del discorso, Roma, Meltemi.
F
ERRETTI
F. (1998) - Pensare vedendo. Le immagini mentali nella scienza cognitiva, Roma, Carocci.
G
REIMAS
A. J. (1987) - De l’imperfection. P
ERIGNEUX
, P
IERRE
F
ALANC
, traduzione italiana: Dell’imperfezione, Palermo, Sellerio, 1988.
J
AKOBSON
R. (1963) - Essais de linguistique générale, Paris, Edition de Minuit, traduzione italiana: Saggi di linguistica generale, Milano, Feltrinelli, 1966.
M
ERLEAU
-P
ONTY
M. (1945) - Phénomenologie de la perception. Paris, G
ALLIMARD
, traduzione italiana: Fenomenologia della percezione, Milano, Il Saggiatore, 1965.
P
ATERNOSTER
A. (2007) - Il fi losofo e i sensi Introduzione alla fi losofi a della percezione. Roma, Carocci.
R
ICCÒ
D. (2008) - Sentire il design Sinestesie nel progetto di comunicazione. Roma, Carocci.
R
OBERTSON
I. (2002) - Intelligenza visiva. Milano, Rizzoli.
S
EMPRINI
A. (1996) - Analizzare la comunicazione. Milano, Franco Angeli.
V
OLLI
U. (1991) - Apologia del silenzio imperfetto. Milano, Feltrinelli.
Received January 2010 - Accepted September 2010
Statistics