Tu sei qui: Focus e ambito Issues from 2005 to 2017 IJEGE 12 IJEGE 12 - Volume 02
Azioni sul documento

IJEGE 12 - Volume 02

Vai su di un livello
IJEGE 12 - Volume 02
Questo contributo tratta della valutazione della pericolosità radon nella pianificazione territoriale. Sulla base delle esperienze maturate in Europa e negli Stati Uniti, si propone di associare le misure di concentrazione del radon nel suolo, effettuate alla profondità minima di 80 cm, con la determinazione della permeabilità ai gas del terreno, per il calcolo degli indici RP e RI. Il valore di questi parametri consente la classificazione della pericolosità in un sito dove è previsto un futuro svilupp
IJEGE 12 - Volume 02
Come noto, le barriere di pozzi spesso vengono sottodimensionate, riducendone gravemente l’efficacia. E’ opportuno quindi disporre di un metodo speditivo per delineare lo spartiacque piezometrico della zona di cattura anche per geometrie non lineari dei pozzi, in modo da favorire una efficace progettazione di questo importante strumento operativo. Lo studio descrive un metodo analitico - grafico che può essere usato per progettare una barriera le cui dimensioni (in particolare l’ampiezza del fronte d
IJEGE 12 - Volume 02
In questo rapporto vengono mostrati i risultati di analisi di amplificazione sismica per una microzonazione in due casi: nel caso di utilizzo di più accelerogrammi e in quello di un accelerogramma artificiale entrambi compatibili con lo stesso spettro di riferimento. Viene effettuata una analisi parametrica su suoli tipici modificando sia i parametri meccanici e geometrici sia il livello di accelerazione. I risultati delle analisi mostrano che esistono solo modeste e trascurabili differenze rispetto alle i
IJEGE 12 - Volume 02
Il presente studio riporta i risultati di una caratterizzazione fisico-meccanica di laboratorio delle sabbie facenti parte dei depositi alluvionali recenti del Fiume Tevere in corrispondenza del centro storico di Roma (livello D Auct.), propedeutici ad un’analisi dei possibili effetti di deformazione sismoindotta permanente e/o di liquefacibilità a seguito dei più severi scenari di scuotimento sismico attesi. Le prove sono state eseguite su un misto granulare ricostituito in laboratorio, considerato rap
IJEGE 12 - Volume 02
Il territorio italiano è caratterizzato da un’alta sismicità localizzata, in particolar modo, lungo l’arco appenninico. In questa porzione di territorio si registrano, infatti, i terremoti più rilevanti con magnitudo anche superiori al sesto grado della scala Richter. Lo studio degli eventi sismici e degli effetti sull’ambiente naturale che questi producono, rappresentano temi di elevato interesse per le politiche di difesa dai terremoti e di mitigazione del Rischio sismico sul territorio nazionale
IJEGE 12 - Volume 02
Il 20 maggio 2012, la regione Emilia (Italia settentrionale) è stata colpita da un sisma (M 5.9), il quale ha innescato rilevanti effetti deformativi del suolo dovuti a estesi fenomeni di liquefazione. Sebbene lo scuotimento sia stato relativamente modesto, il fenomeno ha avuto un forte impatto su un’area ubicata a circa 17 km dall’epicentro, dove si sono verificate fuoriuscite in superficie di eccezionali quantità di acqua e sabbia. Il lavoro traccia un quadro sintetico del fenomeno e presenta i ris
Statistics