Document Actions

ijege-11_02-bozzano-et-alii.pdf

background image
5
Italian Journal of Engineering Geology and Environment, 2 (2011)
© Casa Editrice Università La Sapienza
www.ijege.uniroma1.it
DOI: 10.4408/IJEGE.2011-02.O-01
F
rancesca
bozzano
(*)
, a
nna
c
hiara
giacomi
(*)
,
s
alvatore
martino
(*)
& c
omando
P
rovinciale
dei
v
igili
del
F
uoco
di
r
oma
(**)
(*)
Sapienza Università di roma - Dipartimento di Scienze della terra e centro di ricerca cEri - P.le a. moro 5 - 00185 roma, italy
(**)
corpo nazionale dei Vigili del Fuoco - Ufficio coordinamento Soccorso - Via genova 3/a - 00184 roma, italy
SCENARIO DI DANNEGGIAMENTO INDOTTO NELLA CITTÀ DI ROMA
DALLA SEQUENZA SISMICA AQUILANA DEL 2009
DAMAGE SCENARIO INDUCED IN THE CITY OF ROME
BY THE L’AQUILA SEISMIC SEQUENCE OF APRIL 2009 (ITALY)
ABSTRACT
La crisi sismica aquilana del 2009, culminata con il mainshock
del 6 aprile di m
w
6.3, ha causato numerosi danni anche all’edificato
dell’area urbana di roma. Lo scenario di danneggiamento è stato
ricostruito con dati di archivio messi a disposizione dal comando
Provinciale dei Vigili del Fuoco (VVF) di roma. i dati provengono
dalle richieste di sopralluogo effettuate dai cittadini e successiva-
mente vagliate con certificazione di danno propriamente imputabile
all’evento sismico. i più significativi danneggiamenti sono stati re-
gistrati nei quartieri centro Storico, Prati, mazzini, testaccio, San
Lorenzo, tufello, montespaccato, centocelle-tuscolano e in alcune
aree in prossimità di Via giustininano imperatore.
L’importanza della ricostruzione di tale scenario di danneggia-
mento sta nell’eccezionalità dell’evento sismico risentito dalla città di
roma nel 2009, nonostante tale risentimento non rappresenti il massi-
mo atteso sulla base della pericolosità sismica locale.
L’analisi della distribuzione e dell’entità dei danni è stata rivolta
principalmente a valutare l’esistenza di possibili relazioni con l’asset-
to geologico-stratigrafico del sottosuolo, con particolare riferimento
alla presenza di depositi alluvionali oppure di substrato rigido. Più in
particolare, per porre in risalto il suddetto effetto geologico, nell’ana-
lisi del danneggiamento sono stati tenuti in conto: i) la distribuzione
dei danni e la loro concentrazione nell’intera area comunale di roma;
ii) l’omogeneità architettonica ed urbanistica dei diversi quartieri ro-
mani; iii) la densità abitativa.
Verificata la possibilità di confrontare diversi quartieri in termi-
ni di omogeneità architettonica e densità abitativa, l’analisi condotta
sullo scenario di danneggiamento ha posto in risalto che i quartieri
romani più danneggiati ricadono in settori caratterizzati dalla presen-
za nel sottosuolo di depositi alluvionali olocenici del Fiume tevere.
T
ermini
chiave
: crisi sismica aquilana, danneggiamento, Roma, alluvioni tiberine
INTRODUZIONE
Le fonti documentarie e gli studi più aggiornati sugli scenari dei terre-
moti storici (Dbmi, 2004) testimoniano per la città di roma, a partire dal
461 a.c., oltre 60 terremoti avvertiti dalla popolazione e numerosi danni
di una certa entità al patrimonio monumentale della città che, nel com-
ABSTRACT
the L’aquila seismic crisis of april 2009 caused some damage
to buildings in rome’s urban area, located about 100 km west of the
epicentral area. this paper reconstructs the damage scenario based
on data provided by the Fire brigade (Fb) of the Provincial Depart-
ment of rome. the data base contains: i) records of telephone calls
received by the Fb and asking for inspections of possible damage; ii)
reports of inspections of buildings carried out by its technical staff.
the most significant damage was concentrated in some sectors of the
urban area: historical centre; Prati, mazzini, testaccio, San Lorenzo,
tufello, montespaccato and centocelle-tuscolano districts and, in
part, via giustiniano imperatore.
the importance of this reconstruction lies in the exceptionality of
the seismic event which was felt in rome’s urban area in 2009 and
which, however, cannot be regarded as the maximum expected one,
taking into account the local seismic hazard.
the interpretation of the damage scenario was focused on its pos-
sible correlation with the geological setting of the urban area. the
following elements were considered: i) damage distribution and con-
centration in the urban area; ii) main architectural and urban planning
characteristics of rome’s districts; iii) population density.
a comparison of the damage recorded in districts with similar
architectural characteristics and population density inferred that the
damage was concentrated in areas of shallow and soft subsoil, con-
sisting of recent alluvial deposits from the tiber river.
K
ey
words
: L’Aquila seismic crisis, damage, Rome, Tiber River alluvia
INTRODUCTION
recent studies about historical earthquakes (Dbmi, 2004) sug-
gest that, since 461 b.c., rome has suffered the effects of more than
60 earthquakes, with an intensity of up to the Vii-Viii grade on the
mcS scale (m
olin
et alii, 1995; d
onati
et alii, 1999).
background image
SCENARIO DI DANNEGGIAMENTO INDOTTO NELLA CITTÀ DI ROMA DALLA SEQUENZA SISMICA AQUILANA DEL 2009
6
f. bOzzAnO, A.C. GIACOmI, S. mARTInO & COmAnDO pROvInCIALE vIGILI DEL fUOCO DI ROmA
based on these data, a
mbrosini
et alii (1986) and m
olin
& g
ui
-
doboni
(1989) observed a close correlation between seismic damage
concentration and occurrence of recent alluvial deposits.
the relationships between the geological setting of rome’s shal-
low subsoil and local seismic response were investigated by the sci-
entific community (F
uniciello
& r
ovelli
, 1998; P
anza
et alii, 2004a;
b
ozzano
et alii, 2008; b
onilla
et alii, 2010). Local seismic response
was estimated via numerical simulations (r
ovelli
et alii, 1994, 1995a,
1995b, P
anza
et alii, 2004b; b
ozzano
et alii, 2008). moreover, it was
recently demonstrated that the heterogeneity of the tiber’s Holocene
alluvial deposits - namely fine-grained plastic levels interbedded with
sand horizons - can cause both amplification of the seismic signal and
co-seismic maximum deformation in these plastic levels (b
onilla
et
alii, 2010; b
onilla
et alii, 2011).
other studies attempted to assess the vulnerability of buildings,
especially in the historical centre (b
ramerini
et alii, 1995, c
olozza
& d
olce
, 1995): a painstaking task, given the complexity of the
urban fabric, the overlapping of extremely different urban plan-
ning and architectural styles over time and the recent restorations
and works.
it is common scientific opinion that the forecasting of earth-
quake-induced damage scenarios, based on a theoretical approach
combining studies on local seismic response and analyses of build-
ing vulnerability, needs some experimental validation. in this
sense, current techniques for surveying macroseismic effects at
high data density offer a very good opportunity of experimenta-
tion and also give a valid support to civil Protection activities and
conservation of the monumental and built heritage. For instance,
the numerous macroseismic surveys conducted in the urban area
of rome, after the Umbria-marche (1997-1998) seismic sequence,
confirmed local amplification effects in the tiber’s recent alluvia,
with a difference of one grade on the mcS intensity scale with
respect to bedrock. these surveys are based on perception of the
population, without taking into account actual damage to build-
ings, which may be considered as a very good tool to measure the
effects of an earthquake in an urban area.
this paper deals with a study of the damage to rome’s build-
ings caused by the L’aquila seismic crisis of 6 april 2009, based
on a survey conducted jointly with the Fb of the Provincial Depart-
ment of rome. the aim of the study was to quantify the damage
after the seismic event and, consequently, to infer possible ampli-
fication effects associated with the occurrence of recent alluvial
deposits of the tiber river. the method used to analyse damage
distribution took into account both seismic vulnerability of build-
ings (via a rough simplification of the urbanisation age) and popu-
lation density in the different areas of the city, in order to identify
geological factors.
plesso, sono riferibili a risentimenti quantificabili con intensità fino al Vii-
Viii grado della scala mcS, (m
olin
et alii, 1995; d
onati
et alii, 1999).
Su questa base di dati disponibili, a
mbrosini
et alii (1986) e m
olin
& g
uidoboni
(1989) hanno evidenziato una stretta correlazione, a livello
qualitativo, tra concentrazione del danneggiamento sismico subito dalla
città di roma in occasione di alcuni terremoti storici, e presenza di de-
positi alluvionali recenti attribuibili al Fiume tevere ed ai suoi tributari.
Le relazioni tra assetto geologico-stratigrafico della porzione super-
ficiale del sottosuolo e risposta sismica della città di roma sono state già
oggetto di attenzione della comunità scientifica (F
uniciello
& r
ovelli
,
1998; aa.vv., 2004; b
ozzano
et alii, 2008; b
onilla
et alii, 2010). at-
traverso modellazioni numeriche (r
ovelli
et alii,1994, 1995a, 1995b,
P
anza
et alii, 2004b; b
ozzano
et alii, 2008) è stata stimata in prima
approssimazione la risposta sismica attesa in diversi settori della città in
caso di risentimento di terremoti. recentemente, inoltre, è stato dimo-
strato che l’eterogeneità del deposito alluvionale olocenico tiberino, e
in particolare la presenza di livelli argillosi più deformabili interposti a
livelli sabbiosi più rigidi, può avere effetti rilevanti sia in termini di am-
plificazione sismica che in termini di massima deformazione co-sismica
all’interno dei suddetti depositi (b
onilla
et alii, 2010).
altri studi si sono concentrati, invece, sulla valutazione della vul-
nerabilità degli edifici limitatamente al centro storico (b
ramerini
et
alii, 1995, c
olozza
& d
olce
, 1995), evidenziando la complessità di
tale valutazione in una realtà come quella romana, dove il tessuto
urbano è costituito da una stratificazione antropica estremamente ar-
ticolata, che ha visto succedersi nel tempo diversi temi architettonici
e urbanistici, in diversi casi modificati da interventi ben più recenti.
E’ evidente, tuttavia, che la previsione su base teorica di scenari
di danneggiamento, fondata sulla combinazione di risposta sismica
locale e caratteristiche dell’edificato, necessita di ulteriori approfondi-
menti e verifiche sperimentali. in tal senso, le tecniche di rilevamento
di effetti macrosismici ad alta densità di dati rappresentano, allo stato
attuale, un’ottima opportunità di sperimentazione diretta, fornendo,
peraltro, un valido supporto alle politiche di protezione civile ed alla
pianificazione delle azioni di conservazione del patrimonio monumen-
tale ed edilizio. ad esempio, gli studi condotti attraverso un rilevamen-
to macrosismico ad alta densità nell’area urbana di roma (d
onati
et
alii, 2008), svolto a seguito del terremoto dell’Umbria (1997-1998),
hanno confermato la possibilità di effetti di amplificazione locale in
corrispondenza dei depositi alluvionali olocenici, sui quali si registra
un’intensità mcS con una differenza di quasi un grado rispetto a quan-
to riscontrato su substrato rigido affiorante. tali studi si sono basati
sulla percezione della popolazione, ovvero non valutando il reale dan-
no agli edifici osservato in concomitanza del terremoto, che rappresen-
ta una misura più oggettiva del risentimento del sisma.
Questo studio presenta, invece, la valutazione del danneggiamento
all’edificato nella città di roma a seguito della crisi sismica aquilana
del 6 aprile 2009 che è stato possibile effettuare grazie ad un censimen-
to condotto in collaborazione con il comando Provinciale dei VVF di
roma. L’obiettivo di tale studio è stato quantificare la distribuzione
background image
DAMAGE SCENARIO INDUCED IN THE CITY OF ROME BY THE L’AQUILA SEISMIC SEQUENCE OF APRIL 2009 (ITALY)
7
Italian Journal of Engineering Geology and Environment, 2 (2011)
© Casa Editrice Università La Sapienza
www.ijege.uniroma1.it
ed il livello di danneggiamento, riferibili a un evento sismico di ma-
gnitudo maggiore di 5 risentito a roma, e ponderare deduttivamente
l’eventuale effetto amplificativo connesso ai depositi del corpo allu-
vionale olocenico del tevere. il metodo qui seguito nell’analisi della
distribuzione del danneggiamento tiene conto sia della vulnerabilità
sismica dell’edificato, attraverso la semplificazione dell’età dell’urba-
nizzazione, sia della densità abitativa delle diverse zone della città, così
da esaltare il fattore geologico connesso al livello di danno registrato.
ASSETTO GEOLOGICO E SISMICITÀ DELL’AREA
URBANA DI ROMA
ASSETTO GEOLOGICO
roma è sorta lungo la bassa valle del fiume tevere espandendosi
più di recente sull’adiacente piana costiera del margine tirrenico. rispet-
to al settore dell’appennino centrale la città sorge in un’area posta alla
convergenza tra le strutture geologiche del bacino umbro-marchigiano
e della piattaforma laziale-abruzzese (Fig. 1). La natura dei terreni che
caratterizzano il substrato geologico della città di roma nei primi 100
m dal piano campagna è strettamente connessa all’evoluzione paleoge-
ografica più recente dell’area romana che, sino a poco meno di 1 ma, si
trovava ancora al di sotto del livello del mare (F
uniciello
et alii, 2008).
L’area di roma, infatti, è stata caratterizzata da condizioni di sedi-
mentazione marina dal Pliocene fino al Pleistocene inferiore (3.4-1.7
ma). in questo periodo si sono accumulati spessi depositi marini costi-
tuiti da un’alternanza di livelli decimetrici di argilla e sabbia (b
ozzano
et alii, 2000). tali depositi, oggi fortemente consolidati, appartengono
alla Formazione geologica delle marne Vaticane (F
uniciello
et alii,
GEOLOGICAL SETTING AND SEISMICITY OF
ROME’S URBAN AREA
GEOLOGICAL SETTInG
rome was built (Fig. 1) on the tyrrhenian coastland, on the south-
ern part of tiber river valley, in the area of convergence between the
mesozoic and cenozoic geological structures of the Umbria-marche
pelagic basin and the Lazio-abruzzo continental shelf. the rocks
constituting the bedrock of the urban area are strictly related to the
paleogeographic evolution of the roman area, which remained below
sea level until about 1 million years ago (F
uniciello
et alii, 2008).
the area experienced marine sedimentation from the Pliocene to the
lower Pleistocene (3.4-1.7 myr), with the deposition of a thick suc-
cession of marls (blue clays ascribed to the monte Vaticano unit,
hereafter UmV) consisting of an alternation of some decimetre-thick
layers of hard clays and dense sands (b
ozzano
et alii, 2000).
the Paleo-tiber river delta developed about 0.9 myr (K
arn
-
er
et alii, 2000); during middle Pleistocene and Holocene times,
sedimentation processes were confined inside the river channels
Fig. 1 - Ubicazione della città di roma rispetto all’ appennino centrale.
LEgEnDa: 1) depositi marini e continentali del Plio-Pleistocene e
coperture alluvionali; 2) vulcaniti (Pleistocene); 3) depositi terrigeni
sin tettonici (miocene superiore-Pliocene inferiore); 4) successioni
carbonati che in facies di piattaforma e di mare aperto; 5)sovrascor-
rimento; 6) retro scorrimento; 7) faglia trascorrenti; 8) epicentri del
mainshock del 6 aprile 2009 e del sisma di avezzano del 13 gennaio
1915 che hanno prodotto a roma i più elevati risentimenti sismici
dell’ultimo secolo (modificato, da c
iPollari
et alii, 1993)
- Location of the city of Rome in the central Apennines area. LEG-
EnD: 1) marine and continental deposits (pliocene and pleis-
tocene) and alluvial deposits; 2) volcanic deposits (pleistocene) ;
syn-tectonic terrigenous deposits (upper miocene -lower pliocene;
4) carbonate succession; 5) thrust; 6) back-thrust; 7) strike-slip
fault; 8) epicentre of the 6 April 2009 L’Aquila earthquake and of
the 13 January 1915 Avezzano earthquake, which have induced
the most significant damage in the past 100 years (modified from
C
ipollari
et alii, 1993 )
background image
SCENARIO DI DANNEGGIAMENTO INDOTTO NELLA CITTÀ DI ROMA DALLA SEQUENZA SISMICA AQUILANA DEL 2009
8
f. bOzzAnO, A.C. GIACOmI, S. mARTInO & COmAnDO pROvInCIALE vIGILI DEL fUOCO DI ROmA
2008) e costituiscono per la maggior parte il substrato geologico della
città di roma in corrispondenza del suo centro Storico.
Successivamente, circa 0.9 milioni di anni fa, nell’area di roma
si è sviluppato il delta del paleo-tevere (K
arner
et alii, 2000); duran-
te il Pleistocene medio e l’olocene i processi di sedimentazione sono
stati confinati ai canali fluviali e piane costiere, fortemente controllati
dalle variazione glaucio-eustatiche del livello del mare (K
arner
&
r
enne
, 1998; m
arra
et alii, 1998; K
arner
& m
arra
, 1998). nello
stesso intervallo di tempo la regione è stata interessata da un’intensa
attività vulcanica, causa della messa in posto di una spessa copertura
piroclastica, che oggi risulta intercalata a depositi continentali e che
affiora diffusamente in corrispondenza dei numerosi rilievi collinari,
oggi inglobati nel tessuto urbano della città di roma.
L’attuale rete idrografica della valle del Fiume tevere e dei suoi tri-
butari si è definitivamente configurata durante l’ultimo periodo glaciale
(W
ürm
, 18 Ka) attraverso la re-incisione ed il conseguente approfondi-
mento delle valli che si erano sviluppate in precedenza. Durante l’ultima
glaciazione, infatti, la combinazione di una caduta del livello del mare
(più di 120 m, b
ard
et alii, 1996) e di un sollevamento regionale di
circa 20 m (b
ordoni
& v
alensise
, 1998), avrebbe causato una profonda
erosione delle valli fluviali, fino al substrato plio-pleistocenico costituito
dalle marne Vaticane, che oggi si ritrova circa 60 m al di sotto dell’attua-
le livello del mare (m
arra
& r
osa
, 1995). il successivo instaurarsi di
condizioni climatiche temperate avrebbe provocato, a seguire, lo scio-
glimento dei ghiacciai con relativa ripida risalita del livello del mare e
conseguente riempimento delle incisioni fluviali fino all’attuale livello
di deposizione. Secondo alcuni autori (F
uniciello
& g
iordano
, 2008),
la testimonianza dell’ultimo periodo glaciale sarebbe da ricercarsi nella
geometria deposizionale del sintema Fiume tevere. il riempimento al-
luvionale recente della valle del tevere a roma è caratterizzato da una
successione, spessa fino a 65 m, di sedimenti argilloso-sabbiosi etero-
genei ed eteropici, alla base dei quali è ovunque presente un livello di
ghiaie avente uno spessore di circa 10 m (b
ozzano
et alii, 2000).
SISmICITà E CLASSIfICAzIOnE SISmICA DEL TERRITO-
RIO ROmAnO
Studi geologici e sismologici condotti nell’arco dell’ultimo quin-
dicennio hanno consentito di delineare un quadro della sismicità che
caratterizza l’area di roma (m
olin
et alii, 1995; Dbmi, 2004; cPti,
2004), suddividendola in:
- sismicità regionale, legata alle aree sismogenetiche dell’appen-
nino centro-meridionale;
- sismicità locale, legata essenzialmente all’attività sismica del di-
stretto vulcanico dei colli albani;
- sismicità urbana, legata alla modesta sismicità propria dell’area
urbana di roma.
L’attività sismica regionale è legata alle aree sismogenetiche del’ap-
pennino centro-meridionale, distanti tra i 60 e di 130 km da roma. Essa
è responsabile dei massimi risentimenti avvertiti nella città. i terremoti
riferibili al settore abruzzese della catena (zone dell’aquilano e del Fu-
and the coastal plain and controlled by the glacio-eustatic vari-
ation of sea level (K
arner
& r
enne
, 1998; m
arra
et alii, 1998;
K
arner
& m
arra
, 1998). in the meantime, an intense volcanic
activity produced pyroclastic deposits, in some cases interbedded
with continental ones.
the hydrographic network of the tiber river valley and its tribu-
taries acquired its current shape in the last glacial period (W
ürm
, 18
kyr) via re-incision and consequent deepening of previously formed
valleys. During the last glaciations, the combination of falling sea
level (by more than 120 m, b
ard
et alii, 1996) with a regional uplift
of about 20 m (b
ordoni
& v
alensise
, 1998) caused deep erosion of
the fluvial valleys, down to the Pliocene bedrock of the UmV, now
60 m below sea level (m
arra
& r
osa
, 1995). Subsequent temperate
climate conditions caused the melting of glaciers, the steep rising of
sea level and the consequent partial filling of existing valleys up to
the present deposition level. the tiber river synthem derives from
these processes (F
uniciello
& g
iordano
, 2008).
the recent alluvial deposits have a relatively thin level of ba-
sal gravels grading into a thick pack of sands and clays (b
ozzano
et
alii, 2000). recent studies (b
ozzano
et alii, 2008 and b
onilla
et alii,
2010) indicated that this fine-grained portion of the deposit - made
up of normally to weakly overconsolidated clayey and sandy silts of
low stiffness - might be responsible for local seismic amplification
phenomena and high co-seismic strain levels.
SEISmICITy AnD SEISmIC CLASSIfICATIOn Of ROmE
in the past fifteen years, detailed geological and seismological
studies classified the seismicity of rome (m
olin
et alii, 1995; Dbmi,
2004; cPti, 2004) into the following three groups:
- regional seismicity, related to the seismogenetic areas of the central
and southern apennines;
- local seismicity, related to the seismic activity of the colli albani
volcanic district and of the tyrrhenian coast of southern Latium;
- urban seismicity, related to the low seismicity of the urban area of
rome.
regional seismic activity originates from the central and south-
ern apennines seismogenetic area, 60-130 km far from rome, and
is responsible for the maximum seismic intensity felt in the city of
rome. in particular, the earthquakes arising in the abruzzo apen-
nines (L’aquila and Fucino areas) may reach a magnitude of up to 7,
with a hypocentral depth of 10 to 20 km, and be responsible for the
background image
DAMAGE SCENARIO INDUCED IN THE CITY OF ROME BY THE L’AQUILA SEISMIC SEQUENCE OF APRIL 2009 (ITALY)
9
Italian Journal of Engineering Geology and Environment, 2 (2011)
© Casa Editrice Università La Sapienza
www.ijege.uniroma1.it
cino), in particolare, possono generare eventi di magnitudo intorno a 7,
a profondità ipocentrale compresa tra 10 e 20 km, con effetti massimi
a roma del Vii-Viii mcS (P
restininzi
et alii, 2005; aa.VV., 2011).
L’attività sismica locale è, invece, dovuta alle aree sismogenetiche
prossime a roma ed essenzialmente ai distretti sismici del litorale tir-
renico e della fascia vulcanica tosco-laziale (apparati Vulsino, cimino,
Sabatino e dei colli albani). L’area vulcanica a maggior tasso di attività
sismica in tempi recenti (0.3 ma o più recente) è quella dei colli alba-
ni, sede di terremoti piuttosto frequenti ma relativamente modesti in
termini di energia liberata: le magnitudo massime sono prossime a 5.2,
associate ad ipocentri di modesta profondità (comprese tra 3 e 6 km), e
responsabili di intensità massime risentite nell’area urbana di roma del
Vi grado mcS con tempi di ritorno di 20 anni. tale attività si è presen-
tata nel passato in caratteristiche sequenze sismiche (1981, 1987, 1989).
L’attività sismica di origine urbana, infine, compresa in un’area
di 20 km di raggio, è caratterizzata da epicentri concentrati nell’area
sud-orientale di roma, da una ricorrenza non elevata, corrispondente
a tempi di ritorno di 100 anni, da magnitudo inferiori a 4 e profondità
ipocentrali massime intorno ai 12 km, come accertato in occasione
del recente terremoto romano del 12 giugno 1995 del Vi grado mcS.
grazie agli studi di sismicità di base del territorio nazionale
(ingV, 2006) è stata predisposta nel 2007 dalla regione Lazio una
nuova classificazione sismica del territorio regionale, che ha riguar-
dato anche il territorio dei municipi di roma. a valle di questi studi
di riclassificazione sismica, il comune di roma è stato suddiviso in
19 ambiti municipali coincidenti con altrettante Unità amministra-
tive Sismiche (UaS), ognuna delle quali riferibile ad una delle zone
(o sottozone) sismiche in cui è stata suddiviso l’intero
territorio regionale (Fig. 2). in particolare, le UaS V, Vi,
Vii, Viii, iX, X, Xi e Xii (ubicate in prossimità del-
le strutture sismogenetiche dei colli albani, dei monti
tiburtini e dei monti Prenestini) hanno pericolosità più
elevata rispetto a quella dei restanti municipi.
maximum macroseismic intensity felt in rome, i.e. Vii-Viii mcS
(P
restininzi
et alii, 2005; aa.VV., 2011).
conversely, local seismic activity develops in seismogenetic
areas near rome: in the tyrrhenian coast seismic district and in
the tuscany and Latium volcanic districts (Vulsini, cimini Sabatini
and alban Hills). the volcanic area (0.3 myr or more recent) with
the highest seismicity is the alban Hills; in this area, earthquakes
are frequent, with a magnitude of up to 5.2, a hypocentral depth
of 3 to 6 km and, in rome’s urban area, they can cause a macro-
seismic intensity of up to Vi mcS with a return time of 20 years.
recently, this seismic activity produced three seismic sequences
(1981, 1987, and 1989).
the urban seismic activity originates in an area with a 20-km ra-
dius. it is concentrated in the southern part of the city and the related
earthquakes have a magnitude of less than 4, a maximum hypocentral
depth of about 12 km and a return time of about 100 years. an exam-
ple of this seismicity is the 12 June 1995 earthquake, which caused
macroseismic effects in rome of up to Vi mcS.
in 2007, as a result of studies on italian seismicity (ingV, 2006),
the Lazio region planned and completed a new seismic classification,
including the administrative districts of the city of rome. rome is di-
vided into 19 administrative districts, corresponding to as many seis-
mic administrative units (UaS); each unit belongs to one of the seismic
zones (or subzones) into which the Lazio region is divided (Fig. 2). in
particular, UaS V, Vi, Vii, Viii, iX, X, Xi and Xii (located near the
seismogenetic structures of the alban Hills, tiburtini Hills and Prenes-
tini Hills) have a higher level of seismic hazard than the other ones.
Fig. 2 - a) territorio del comune di roma suddiviso in zone
e sottozone sismiche secondo la nuova riclassifica-
zione regionale con indicazione della UaS di com-
petenza. b) zone e sottozone sismiche in relazione
all’accelerazione di picco attesa su terreno rigido con
tempi di ritorno di 475 yrs utilizzate per la riclassifi-
cazione sismica della regione Lazio (da Dgr Lazio
n.545 del 26/11/2010, allegato 1)
- A) Rome’s area divided into seismic areas and sub-
areas according to the new regional re-classification,
with the specification of UAS. b) Seismic areas and
sub-areas according to the expected pGA on bed-
rock, with a return time of 475 yrs, used for seismic
re-classification of the Lazio region (from DGR Lazio
n.545 of 26/11/2010, Attach 1)
background image
SCENARIO DI DANNEGGIAMENTO INDOTTO NELLA CITTÀ DI ROMA DALLA SEQUENZA SISMICA AQUILANA DEL 2009
10
f. bOzzAnO, A.C. GIACOmI, S. mARTInO & COmAnDO pROvInCIALE vIGILI DEL fUOCO DI ROmA
Secondo gli studi di pericolosità sismica di base, le accelerazioni
di picco attese al suolo rigido (Pga) risultano estremamente differen-
ti fra la zona costiera di ostia e le zone prossimali ai colli albani o
ai monti tiburtini e Prenestini; più in particolare, il territorio del co-
mune di roma risulta interessato da valori di a
g
variabili da 0,075g a
0,200g per una probabilità di eccedenza del 10% in 50 anni (tempo di
ritorno 475 anni). Dal punto di vista delle massime intensità macro-
sismiche osservate (Dbmi, 2004; cPti, 2004) l’area romana risente
di intensità pari all’Vii-Vi della scala mcS (Fig. 3).
all’interno di questo quadro di previsione, la sequenza sismica aqui-
lana del 2009 corrisponde ad uno scenario di risentimento per l’area ro-
mana riferibile alle sorgenti sismogenetiche centro-appenniniche. in par-
ticolare, la sequenza sismica in questione (Fig. 4) è stata caratterizzata dal
mainshock di m
w
6.3 del 6 aprile avvenuto alle 3.33 Utc con meccani-
smo focale di tipo normal dip slip e strike n135 (P
ondrelli
et alii, 2010),
che è stato seguito da altre due forti scosse simiche di m
w
compresa tra
5.5 e 6.0, rispettivamente il 7 aprile alle 14.37 Utc ed il 9 aprile alle
00.52 Utc, e da almeno un centinaio di scosse di assestamento di m
w
compresa tra 3 e 5 nel mese successivo (a
Kinci
et alii, 2010). gli ipocen-
tri delle scosse principali e degli aftershock sono risultati compresi entro i
primi 15 km (P
ondrelli
et alii, 2010) in linea con i meccanismi di rottura
crostale connessi a fagliazione normale che caratterizzano in questo set-
tore dell’appennino centrale (v
annucci
et alii, 2004). il mainshock del
the maximum expected peak ground acceleration (Pga) sig-
nificantly differs between the coastal area of rome (town of ostia)
and the area close to the alban Hills, the tiburtini Hills and the
Prenestini Hills. more particularly, the a
g
values are in the range of
0.075 g to 0.200 g, with a probability of exceedance of 10% in 50
years (return period: 475 years).
in rome’s urban area, the maximum observed macroseismic
intensity (Dbm, 2004; cPti, 2004) ranges between Vii and Vi
mcS (Fig. 3)
in this predictive scenario, the 2009 L’aquila seismic sequence
corresponds to felt effects in the roman area due to seismic sourc-
es located in the central apennines. in particular, the mainshock
(m
w
=6.3) of 6 april had a normal dip-slip focal mechanism and a
n135° strike (Fig. 4). the mainshock was followed by two other
strong shocks (m
w
in the 5.5-6.0 range) on 7 april (14:37 Utc) and
9 april (00:52 Utc), respectively, and by about 100 aftershocks
with a magnitude of 3.0 to 5.0 in the following month (a
Kinci
et
alii, 2010). the hypocentres of the mainshocks and aftershocks
were 15-km deep (P
ondrelli
et alii, 2010), in line with crustal rup-
ture mechanisms associated with normal faulting in this part of the
central apennines (v
annucci
et alii, 2004). the 6 april mainshock
was recorded by 58 stations of the national accelerometric net-
work (ran); the highest Pga values were in the 0.3-065 g range.
Fig. 3 - Suddivisione del territorio della re-
gione Lazio in aree a massima inten-
sità macrosismica (da D.g.r. Lazio
n. 545 del 26/11/2010, allegato 1)
- zonation of the Lazio region accord-
ing to the maximum macroseismic
intensity areas (from D.G.R. Lazio n.
545 del 26/11/2010, Attach 1)
background image
DAMAGE SCENARIO INDUCED IN THE CITY OF ROME BY THE L’AQUILA SEISMIC SEQUENCE OF APRIL 2009 (ITALY)
11
Italian Journal of Engineering Geology and Environment, 2 (2011)
© Casa Editrice Università La Sapienza
www.ijege.uniroma1.it
6 aprile 2009 è stato registrato da 58 stazioni della rete accelerometrica
nazionale (ran); i massimi valori di Pga sono stati registrati al centro
del L’aquila e sono risultati compresi tra 0.3 g e 0.65 g. L’evento sismico
principale è associato ad una rottura lungo una faglia normale orientata
nW-SE ed immergente a SW e localizzata a pochi chilometri dalla città
de L’aquila; l’epicentro del mainshock del 6 aprile 2009 è stato localiz-
zato pochi chilometri a SW de L’aquila. L’individuazione della faglia
responsabile del sisma aquilano del 2009 è a tutt’oggi dibattuta: la sua
lunghezza è ritenuta variabile da un minimo di 2.5 km (b
lumetti
et alii,
2009) ad un massimo di 19 km (g
alli
et alii, 2009), vari autori hanno
individuato numerose rotture lungo il segmento della faglia di Paganica
(v
ittori
et alii, 2011), a sua volta parte di un più complesso sistema di
faglie dirette che bordano ad est il bacino aquilano osservabile lungo un
allineamento nW-SE che va da collebricioni a S.Eusanio (PSDFS sensu
g
alli
et alii, 2010 - Fig. 4) mentre altri considerano ammissibile una
rottura lungo una faglia cieca a basso angolo (v
alensise
et alii, 2009).
il risentimento a roma della sequenza sismica aquilana ha rag-
giunto un massimo di V mcS (ingV, 2009) mentre il massimo Pga
registrato da un array sismometrico 3D installato dall’ingV in pros-
simità di Valco S. Paolo (c
aserta
et alii, 2009) nella piana alluvionale
del F. tevere (b
ozzano
et alii, 2008) è stato pari a circa 0.01g. Questo
scuotimento, quindi, non può essere considerato il massimo atteso per
una probabilità di eccedenza del 10% in 50 anni che corrisponderebbe,
invece, ad un Pga pari a circa 0.132g (ingV, 2006).
the mainshock was connected with a failure along a normal fault
plane with a nW-SE trend and a SW dip, located some km from
L’aquila: the epicentre of the 6 april mainshock was located some
km SW of the city. the identification of the fault associated with
the L’aquila seismic sequence is still open to debate: its length is
considered to be in the range of 2.5 km (b
lumetti
et alii, 2009)
to 19 km (g
alli
et alii, 2009); various authors detected numerous
ruptures along the segment of this fault called Paganica fault (v
it
-
tori
et alii, 2011); in turn, the Paganica fault is considered to be
part of a more complex fault system that borders the eastern part
of the L’aquila basin and extends with a nW-S trend from colle-
bricioni to S. Eusanio (PSDFS sensu g
alli
et alii, 2010 - Fig. 4);
other authors supposed a rupture along a gently dipping blind fault
(v
alensise
et alii, 2009). in rome, the earthquake was felt with a
maximum macroseismic intensity of V on the mcS scale (ingV,
2009) and a Pga of about 0.1 g was recorded by a 3D seismometric
array near the Valco S. Paolo area (c
aserta
et alii, 2009), in the
tiber river alluvial plain (b
ozzano
et alii, 2008). Hence, this event
cannot be considered as the maximum expected one with a prob-
ability of exceedance of 10% in 50 years, corresponding to a Pga
of 0.132 g in this area (ingV, 2006).
Fig. 4 - allineamento di faglie del siste-
ma PSDFS, epicentri delle scos-
se principali e degli aftershock
della crisi sismica aquilana del
2009 e meccanismi focali delle
scosse principali. (modificata da
g
alli
et alii, 2010)
- fault system (called pSDfS),
epicentres of the mainshocks and
aftershocks of the 2009 L’Aquila
seismic sequence and focal mech-
anisms of the mainshocks (modi-
fied from G
alli
et alii, 2010)
background image
SCENARIO DI DANNEGGIAMENTO INDOTTO NELLA CITTÀ DI ROMA DALLA SEQUENZA SISMICA AQUILANA DEL 2009
12
f. bOzzAnO, A.C. GIACOmI, S. mARTInO & COmAnDO pROvInCIALE vIGILI DEL fUOCO DI ROmA
METODOLOGIA PER L’ANALISI DEL DANNEGGIA-
MENTO SISMOINDOTTO A ROMA DALLA SEQUEN-
ZA SISMICA DEL 2009
a seguito della crisi sismica aquilana, il Dipartimento di Scienze
della terra dell’Università “Sapienza” di roma, in collaborazione col
comando Provinciale dei VVF di roma, ha condotto uno studio sulla
distribuzione del danno ad edifici su tutto il territorio comunale, basa-
to su un vasto campione di richieste di intervento pervenute alla Sala
operativa del 115, nel periodo post terremoto compreso tra il 6 aprile
ed il 18 maggio 2009 (Fig. 5).
La procedura è così articolata:
1) a seguito di una richiesta di aiuto da parte del cittadino, median-
te telefonata al centralino 115 dei VVF, l’operatore compila una
scheda informativa con i dati del richiedente, l’indirizzo ed il tipo
di intervento richiesto;
2) la richiesta viene inoltrata alla caserma di competenza territoriale e la
squadra di turno si dirige sul posto, intervenendo secondo necessità;
3) al rientro in caserma il capo-squadra redige uno specifico rap-
porto di intervento. Si tratta di una scheda che accompagna la
registrazione della chiamata pervenuta alla Sala operativa, speci-
ficando la situazione riscontrata sul posto all’arrivo della squadra
e gli interventi effettuati. inoltre, in funzione dell’entità del danno
e della tipologia di intervento richiesto, in allegato viene redatto
anche un Fonogramma, relativo a provvedimenti restrittivi urgen-
ti che ne da comunicazione alle autorità competenti.
ai fini del presente studio sono state selezionate le sole richieste
di intervento, per un totale di 1.643, che presentavano come motiva-
zione una tra le seguenti:
a) verifica statica del fabbricato;
b) verifica/rimozione di cornicioni interni, esterni, controsoffitti, tegole;
c) verifica generica;
d) crollo parziale/totale del fabbricato;
e) puntellamenti.
il comando Provinciale dei VVF di roma ha, dunque, fornito una
banca dati nella quale per ciascuna segnalazione è stata fornita la data
dell’intervento, indirizzo, il tipo di intervento, rapporto di intervento
e l’eventuale Fonogramma relativo.
Si è preso atto che, per le medesime categorie di intervento, il
comando Provinciale dei VVF di roma ha registrato nel 2009 un in-
cremento del 360% rispetto all’intero periodo 2005-2008, nello stesso
arco di tempo di indagine. tale incremento è dunque da ritenersi come
prima grossolana misura del danneggiamento collegato all’evento si-
smico de L’aquila del 6 aprile 2009.
L’analisi della distribuzione del danno all’edificato all’interno del
territorio urbano ha evidenziato, in prima approssimazione, la presen-
za di aree a più elevata concentrazione di danneggiamento, variamen-
te distribuite sull’intero territorio e di non immediata interpretazione.
al fine di porre in evidenza in maniera semi-quantitativa il nes-
so di causa-effetto tra assetto geologico del sottosuolo e distribu-
zione del suddetto danneggiamento, si è tentato di normalizzare i
METHODOLOGY USED FOR THE ANALYSIS OF THE
DAMAGE INDUCED IN ROME BY THE 2009 SEISMIC
SEQUENCE
after the earthquake of L’aquila (m
w
=6.3) on 6 april 2009
(b
lumetti
et alii, 2009), the Department of Earth Sciences of the
University of rome “Sapienza” and the Fb of the Provincial Depart-
ment of rome analysed the distribution of the damaged buildings in
the overall roman area, based on a large sample of calls for service
received by the Fb (call centre number 115) in the period from 6
april to 18 may 2009.
the procedure used for data collection is as follows:
1) after receiving a call, the call centre operator fills in a form with
the data and address of the applicant and the required service;
2) the form is forwarded to the local fire station and the crew on duty
is dispatched to the site and takes action as needed;
3) the chief of the crew prepares a report, which is attached to the
service call form; the report describes the situation identified on
site and the actions taken. in some cases, if the damage is high
and urgent actions are needed, a notice of urgent action is sent to
the competent authorities.
in this study, service calls were selected if they were due to one or
more of the following reasons:
a) inspection of the structural stability of the building;
b) inspection/removal of inner or outer eaves, false ceilings or tiles;
c) general inspection;
d) total/partial collapse of the building;
e) temporary propping up of the building.
1,643 service calls were selected.
the Fb of the Provincial Department of rome supplied a da-
tabase where each service call was identified by date, address and
type of action made, inspection report and, where available, notice of
urgent action to the competent authorities.
the database showed that, in 2009, in the same time interval
(about 40 days) and for the same categories of service, the Fb of
the Provincial Department of rome recorded a 360% increase in
the number of calls vs. the 2005-2008 period. this finding gave a
first rough measure of the level of damage induced by the seismic
sequence of L’aquila.
the map with the location of the calls showed that they were
concentrated in some areas with an apparently uneven distribution of
difficult interpretation.
to determine the causal link between geological setting and
damage distribution in the overall urban area, the damage data-
set was normalised by taking into account the following two other
factors, on which damage distribution in an urban area is strictly
dependent: population density and type of built-up area. Popula-
tion density was obtained from the 2001 istat data on the resident
population, based on constituencies divided into polling stations.
in contrast, the type of built-up area was roughly estimated on the
basis of the period of urbanisation: the same period of urbanisation
background image
DAMAGE SCENARIO INDUCED IN THE CITY OF ROME BY THE L’AQUILA SEISMIC SEQUENCE OF APRIL 2009 (ITALY)
13
Italian Journal of Engineering Geology and Environment, 2 (2011)
© Casa Editrice Università La Sapienza
www.ijege.uniroma1.it
dati di danneggiamento sugli edifici rispetto a due fattori che ven-
gono ritenuti maggiormente influenti sulla distribuzione del danno
in area urbana: la densità abitativa e la tipologia di edificato. Per
quanto attiene alla densità abitativa le informazioni sono state tratte
da dati iStat del 2001 sulla popolazione residente, in base a dati
sull’elettorato attivo, suddiviso in seggi elettorali.
La tipologia di edificato è stata valutata, invece, tenendo conto
per settori omogenei del periodo di urbanizzazione. Questo sottin-
tendendo che allo stesso periodo di urba-
nizzazione corrisponda, in prima appros-
simazione, la stessa tipologia di edificato
e dunque una simile vulnerabilità simica,
dipendendo quest’ultima dalle caratteri-
stiche intrinseche della singola struttura
e delle sue fondazioni (b
enedetti
& P
e
-
trini
, 1984; d
olce
& m
asi
, 2005; c
he
-
rubini
et alii, 2006) nonché dal tipo di
aggregato di più edifici tra loro vicini
(l
agomarsino
et alii, 2004) e dalle mo-
difiche occorse nel corso della sua storia
(b
albi
et alii, 2004).
was assumed to grossly correspond to the same type of buildings
and thus to have similar seismic vulnerability. the latter depends, in
turn, on: i) the characteristics of the building and of its foundations
(b
enedetti
& P
etrini
, 1984; d
olce
& m
asi
, 2005; c
herubini
et alii,
2006); ii) the type of agglomeration of buildings lying close to one
another (l
agomarsino
et alii, 2004) and the changes occurred in
their history (b
albi
et alii, 2004).
Fig. 5 - andamento della sequenza sismica
aquilana nel tempo dal 6 aprile al
18 maggio 2009 (fonte http://www.
iesn.it/index.php/sismo-abruzzo/
mappa-eventi-kmz-export.html)
- L’Aquila Seismic crisis during the
period from 6 April to 18 may 2009
(from http://terremoto.rm.ingv.it/ani-
mation.html)
background image
SCENARIO DI DANNEGGIAMENTO INDOTTO NELLA CITTÀ DI ROMA DALLA SEQUENZA SISMICA AQUILANA DEL 2009
14
f. bOzzAnO, A.C. GIACOmI, S. mARTInO & COmAnDO pROvInCIALE vIGILI DEL fUOCO DI ROmA
RISULTATI E DISCUSSIONE
Delle 1.643 segnalazioni di intervento in totale pervenute ai VVF,
1.430 risultano avere quale causa di intervento effetti riconducibili
al sisma del 6 aprile. Sono stati esclusi dalla banca dati 213 inter-
venti per i quali le evidenze raccolte durante i sopralluoghi condotti
dai VVF portano ad escludere come causa la sollecitazione sismica
subita dall’edificio attribuendola piuttosto ad altri fattori quali infil-
trazioni d’acqua, cattivo isolamento delle tubazioni di riscaldamento,
vetustà dell’edificio, ecc.
Per 238 segnalazioni è stato richiesto un provvedimento restritti-
vo urgente (Fonogramma).
Da un’attenta lettura di tutti i rapporti di intervento e dei Fo-
nogrammi forniti, è stato, dunque, possibile individuare un totale di
1.019 chiamate con interventi che hanno effettivamente rilevato un
danno alla struttura; successivamente, si è proceduto a classificare
le 1.019 richieste di intervento secondo 3 livelli di danneggiamento:
• Danno basso: fessure millimetriche, distacco di piccole parti di
intonaco;
• Danno medio: fessure in diverse parti della struttura;
• Danno alto: lesioni in corrispondenza dei pilastri e delle strutture
portanti, con interessamento dei solai e dei controsoffitti.
La tabella 1 riporta i dati sintetizzati.
La procedura adottata non discrimina se il danno interessa l’unità
immobiliare o l’intera struttura dell’edificio.
La localizzazione delle 1.019 chiamate così classificate è stata
proiettata sul territorio comunale riportato nella foto aerea (Fig. 6).
nella Fig. 7, invece, il totale delle 1.019 chiamate è stato proiettato
su una mappa in cui è sintetizzata la densità abitativa residente in roma.
E’ possibile osservare che la distribuzione spaziale ricalca le aree
più densamente abitate (Fig. 7), e che, tuttavia, i settori che hanno
risentito maggiormente dell’azione sismica, riportando danni di li-
vello maggiore, risultano i quartieri Prati, mazzini, San Lorenzo, te-
staccio, tufello, oltre alla zona dell’auditorium di roma ed alcuni
edifici ubicati nei pressi di via giustiniano imperatore. anche ampie
dei quartieri centocelle-tuscolano e montespaccato, pur presentando
una densità abitativa pari ad altre aree della città, hanno registrato un
grado di danneggiamento di categoria medio-alta (Fig. 7).
infine, nell’allegato 1 le 1.019 chiamate sono state proiettate su
base geologica aggiornata della città di roma (F
uniciello
& g
iordano
,
2008). Si constata che diversi settori a più elevata concentrazione di
danneggiamento o con più elevato grado di danno ricadono al di sopra
di depositi alluvionali del Fiume tevere o della rete dei suoi affluenti.
RESULTS AND DISCUSSION
among the 1,643 calls received by the Fire brigade (Provincial
Fire Department of rome), 1,430 were correlated with seismic input.
213 calls were discarded, because the related inspections had ex-
cluded seismic shaking as the cause of the damage (which was in-
stead due to other factors, e.g. water infiltrations, bad thermal insula-
tion, age of the building, etc...).
238 calls involved notices of urgent action being sent to the com-
petent authorities.
careful analysis of the overall data-set (including inspection re-
ports and, where available, notices of urgent action to competent au-
thorities) made it possible to single out 1,019 service calls associated
with damage to buildings. the damage was classified into 3 levels:
• Low Damage: millimetre cracks, small-scale plaster detach-
ments;
• medium damage: cracks in different parts of the building;
• High damage: damage to pillars and other load-carrying struc-
tures, with involvement of floors and false ceilings.
the procedure did not discriminate between damage to the indi-
vidual unit of the building and damage to the entire building.
table 1 summarises all the data.
the location of the 1,019 service calls is shown in Fig. 6 (aerial
photo of rome).
Fig. 7 plots the calls on a population density map of rome.
as is obvious, spatial distribution reflects the most densely pop-
ulated areas (Fig. 7). However, the areas with the highest damage
are the districts of Prati, mazzini, San Lorenzo, testaccio, tufello,
the area of the rome auditorium and some buildings close to via
giustiniano imperatore. Large areas of the centocelle-tuscolano
and montespaccato districts, although having a population density
similar to the one of other areas of the city, recorded medium-high
damage (Fig. 7).
Finally, attach 1 plots the 1,019 service calls on an updated geo-
logical map of the city of rome (F
uniciello
and
g
iordano
, 2008).
it is clear that the sectors with the highest damage concentration and
level overlie the alluvia of the tiber and its tributaries.
Fig. 8 displays three roman urban areas corresponding to
three periods of urbanisation: pre-1870, 1870-1900 and 1900-1930
tab. 1 - tabella riassuntiva relativa al totale delle richieste di intervento per-
venute ai VVF tra il 6 aprile ed il 18 maggio 2009
- Summary of service calls received by the fire brigade call centre in
the period from 6 April to 18 may 2009
background image
DAMAGE SCENARIO INDUCED IN THE CITY OF ROME BY THE L’AQUILA SEISMIC SEQUENCE OF APRIL 2009 (ITALY)
15
Italian Journal of Engineering Geology and Environment, 2 (2011)
© Casa Editrice Università La Sapienza
www.ijege.uniroma1.it
Fig. 6 - Distribuzione delle 1019 chiamate al centralino 115 del comando Provinciale dei VVF di roma riferite all’intero territorio della provincia di roma. in
giallo il limite alluvioni-substrato
- Distribution of the 1,019 service calls to the call centre (number 115) of the fb of the provincial Department of Rome. The yellow line bounds the Tiber
river alluvial deposits with respect to the outcropping bedrock
background image
SCENARIO DI DANNEGGIAMENTO INDOTTO NELLA CITTÀ DI ROMA DALLA SEQUENZA SISMICA AQUILANA DEL 2009
16
f. bOzzAnO, A.C. GIACOmI, S. mARTInO & COmAnDO pROvInCIALE vIGILI DEL fUOCO DI ROmA
Fig. 7 - Distribuzione della densità di popolazione residente (fonte: iStat, 2001 su celle elettorali, su concessione VVF) e degli interventi dei VVF a fronte di
danno riferibile al sisma del 6 aprile 2009, con relativo livello di danneggiamento
- Density of the resident population (from ISTAT, 2001, based on polling stations, by courtesy of the fb of the provincial Department of Rome, service calls
after the seismic event of 6 April 2009 and related level of damage
background image
DAMAGE SCENARIO INDUCED IN THE CITY OF ROME BY THE L’AQUILA SEISMIC SEQUENCE OF APRIL 2009 (ITALY)
17
Italian Journal of Engineering Geology and Environment, 2 (2011)
© Casa Editrice Università La Sapienza
www.ijege.uniroma1.it
buildings (s
olero
, 2001; r
ossi
, 1997); on a first approximation,
each area has buildings of similar type and for the construction of
which similar techniques were used.
to determine a possible geological control of damage distribution
and level, comparisons were made between some city sectors, taking
into account their urbanisation period and population density.
the comparisons were made between districts resting on the
alluvial plain and on the geological bedrock, but urbanised more or
less in the same period. in particular, two comparisons were made:
testaccio vs. garbatella, both developed from the beginning of the
20th century to 1930; and mazzini vs. nomentano, both urbanised
in the period from 1870 to 1900 (Fig. 9). Population density and
size of the areas were fairly similar (iStat, 2001).
a “call index” was computed for each district as the ratio of
the number of service calls to the surface area (km
2
) of the district.
this index normalises the data-set of a given district with respect
to its surface area, thus permitting comparisons between districts.
the call index was computed for the total number of service calls and
in Fig. 8, all’interno dell’area urbana di roma sono state distinte
le aree relative a tre differenti epoche di espansione urbana ovvero:
edifici costruiti pre-1870, edifici costruiti nel periodo 1870-1900, edi-
fici costruiti nel periodo 1900-1930 (s
olero
, 2001; r
ossi
, 1997). a
ciascuna di tali aree appartengono edifici che, in prima analisi, posso-
no essere accorpati, per analogia di tipologia abitativa e tecniche co-
struttive. al fine di quantificare l’effetto della tipologia di sottosuolo
sulla concentrazione e sul grado di danneggiamento indotti dal sisma
del 6 aprile 2009, sono stati operati dei confronti tra settori urbani
geologicamente differenti, ma sufficientemente uniformi per quanto
attiene a densità abitativa e periodo di urbanizzazione; quest’ultimo,
in particolare, è stato assunto come rappresentativo di similitudine
della tipologia edilizia. Si è quindi effettuato un confronto tra quar-
tieri in piana alluvionale e su substrato edificati in fasi di espansione
urbana tra loro contemporanei; più in particolare, sono stati effetuati
2 confronti: un confronto tra il quartiere testaccio e garbatella, edifi-
cati tra l’inizio secolo XX e i primi anni ’30 e tra il quartiere mazzini
e nomentano, edificati nel periodo 1870-1900 (Fig. 9).
Fig. 8 - Quartieri edificati durante le
diverse fasi di espansione ur-
bana della città di roma (i co-
lori più chiari indicano espan-
sioni urbane più recenti)
- period of urban expansion of
Rome (the clearest colours cor-
respond to more recent expan-
sion areas)
background image
SCENARIO DI DANNEGGIAMENTO INDOTTO NELLA CITTÀ DI ROMA DALLA SEQUENZA SISMICA AQUILANA DEL 2009
18
f. bOzzAnO, A.C. GIACOmI, S. mARTInO & COmAnDO pROvInCIALE vIGILI DEL fUOCO DI ROmA
for the individual levels of damage.
the results of the two comparisons are reported in table 2 and
Figure 10.
the testaccio district, which rests on the tiber river alluvial
plain, has a call index higher than the one of the garbatella dis-
trict (14.0 vs. 13.0), which overlies the geological bedrock. this
difference persists in the three levels of damage: level 2 (medium
damage) at testaccio corresponds to a call index of 6.0 vs. 5.0 at
garbatella; level 3 (high) at testaccio corresponds to a call index of
6.0 vs. 3.0 at garbatella.
Per ciascuno dei due confronti si sono considerate 2 aree simili
in termini di estensione e densità di popolazione residente (iStat,
2001). Per poter interpretare la distribuzione spaziale del dato, si è
dunque calcolato per ciascuna area l’”indice di chiamata”, quale rap-
porto tra il numero di chiamate significative e l’area espressa in km
2
.
Questo parametro normalizza eventuali differenze di estensione terri-
toriale tra i quartieri messi a confronto; esso è stato calcolato sia per il
totale delle 1.019 chiamate che per le singole classi di danno.
Dal confronto tra i dati elaborati (tab. 2) si è ottenuta l’analisi
grafica riportata in Fig. 10.
Fig. 9 - confronto tra quartieri omogenei per densità abitativa e tipologia
architettonica: in viola sono delimitati i quartieri edificati su de-
positi alluvionali, in blu i quartieri edificati su substrato. Per la le-
genda dello stralcio di carta geologica (da F
uniciello
& g
iordano
,
2008) vedere allegato 1
- Similar districts in terms of population density and type of built-up
area. purple: boundaries of districts overlying recent alluvial depos-
its; blue: boundaries of districts overlying the geological bedrock.
See Annex 1 for the legend to the geological map (from F
uniciello
& g
iordano
, 2008)
tab. 2 - tabella riassuntiva dei parametri rica-
vati per il confronto sul danneggiam-
neto tra quartieri omogenei per densità
abitativa e tipologia architettonica
- parameters used to compare the dam-
age of districts
background image
DAMAGE SCENARIO INDUCED IN THE CITY OF ROME BY THE L’AQUILA SEISMIC SEQUENCE OF APRIL 2009 (ITALY)
19
Italian Journal of Engineering Geology and Environment, 2 (2011)
© Casa Editrice Università La Sapienza
www.ijege.uniroma1.it
the data of the districts built after the unification of italy (1870-
1900) corroborate this trend: the nomentano district, which rests
on the volcanic bedrock, has a call index of 8.0, almost half the
one of mazzini, which was built on the alluvial plain (15.0). also
in this case, the differences in the call index persist if the call index
is related to the level of damage, i.e. the call index related to high
damage reaches a value of 3.1 for mazzini, while no data related to
this level are recorded for nomentano.
these results (tab. 2) infer that testaccio and mazzini, lying
over the alluvial plain of the tiber river are more damaged than
garbatella and nomentano, resting on different formations of the
bedrock, even though they have similar age and comparable popu-
lation density.
this implies that the damage concentration and level of the
buildings overlying the alluvial deposits may be related to seismic
amplification effects due to the geological setting and, more par-
ticularly, to the presence of soft soils belonging to the Holocene
alluvial deposits.
tale analisi mostra come per il quartiere testaccio, sito in piana
alluvionale, l’indice di chiamata sia maggiore di quello calcolato per
il quartiere garbatella (14.0 contro 13.0), e come, in particolare, que-
sta differenza risulti per le classi di danno 2 e 3.
in particolare, la classe di danno 2 (danno medio) per il quartie-
re testaccio corrisponde ad un valore dell’indice di chiamata pari a
6.0, in confronto con il valore di 5.0 per il quartiere di garbatella;
questo dato si conferma anche per il livello di danno 3 (elevato) che
per il quartiere testaccio corrisponde ad un indice di chiamata pari
6.0, da confrontare con il valore di 3.0 per la garbatella.
Se il confronto riguarda i quartieri di espansione urbanistica
post-Unione d’italia (1870-1900) i dati sono ancor più evidenti: il
quartiere nomentano, sito su substrato vulcanico, registra un indice
di chiamata pari a 8.00, ovvero circa la metà di quello del quartiere
mazzini che sorge, invece, in piana alluvionale dove tale indice è
pari a 15.0; anche tale caso, inoltre, il confronto per classi di danno
evidenzia come il quartiere mazzini abbia risentito maggiormente
del sisma in termini di livello di danneggiamento, registrando per
tutte le 3 classi di danno un indice di chiamata maggiore rispetto al
quartiere nomentano; in particolare, si raggiunge un valore dell’in-
dice pari a 3.1 per la categoria di danno elevato, mentre nel caso
del quartiere nomentano nessun dato di danneggiamento su quel
livello è stato rilevato.
Dai dati fin qui esposti (tab. 2) si evince che i quartieri testac-
cio e mazzini, che sorgono in piana alluvionale, hanno mostrato una
maggior numero di danni all’edificato rispetto ai loro corrispondenti
su substrato (garbatella e nomentano), a parità di età dell’edificato,
di estensione dell’area e di numerosità della popolazione residente.
Questo dimostra che la concentrazione e il livello di danneggiamento
rilevato per gli edifici localizzati in piana alluvionale possono esse-
re ragionevolmente attribuibili all’amplificazione sismica connessa
all’assetto geologico del sottosuolo, ovvero alla presenza dei depositi
alluvionali olocenici della valle tiberina.
CONCLUSIONI
grazie alla collaborazione del corpo dei Vigili del Fuoco del co-
mando Provinciale di roma é stato possibile disporre di un archivio
di dati contenente numerose informazioni sul danneggiamento alle
strutture edilizie del comune di roma, riconducibili al risentimento
del terremoto del 6 aprile 2009; tale archivio è basato sulle nume-
rose richieste di intervento pervenute al centralino 115 per verifica
statica all’edificato (es. verifica/rimozione cornicioni interni, esterni,
controsoffitti, tegole, verifica generica). Dal campione originario si
è quindi elaborato un archivio di richieste di intervento per verifica
statica all’edifico, che ha riguardato 1019 chiamate, successivamente
catalogate per categoria di danno: basso, medio, alto.
il quadro di danneggiamento all’edificato che è stato così ri-
scontrato può essere considerato alla stessa stregua dei risultati di un
esperimento condotto a “scala reale” per le dimensioni ma a “scala
ridotta” per le energie messe in gioco dal sisma. Esso ha consentito,
Fig. 10 - analisi grafica relativa al confronto effettuato tra i singoli quartieri.
i numeri all’interno dei grafici corrispondono all’indice di chiamata
percentuale per classi di danno
- Comparisons between districts. The numbers identify the call index
(%) for each level of damage
background image
SCENARIO DI DANNEGGIAMENTO INDOTTO NELLA CITTÀ DI ROMA DALLA SEQUENZA SISMICA AQUILANA DEL 2009
20
f. bOzzAnO, A.C. GIACOmI, S. mARTInO & COmAnDO pROvInCIALE vIGILI DEL fUOCO DI ROmA
CONCLUSIONS
thanks to co-operation with the Fire brigade of the Provincial
Department of rome, a database of the damage caused by the 2009
L’aquila seismic sequence to the buildings of rome’s urban area was
created. the database stores the calls for service received by the call
centre (number 115), managed by the Fb of the Provincial Depart-
ment of rome. the required services concerned inspections of the
structural stability of buildings. by processing this original dataset,
three levels of damage were distinguished: low, medium, high.
the ensuing damage scenario may be regarded as the result of a
“real-scale” test in terms of extent and of a “small-scale” one in terms
of seismic energy. the scenario identifies the most vulnerable sectors
of the urban area upon seismic shaking or a more severe earthquake,
such as the maximum expected one from the central apennines.
taking into account the method and approximations used in the
study, the analysis of the damage recorded after the 2009 seismic cri-
sis evidenced that: in spite of similar population density, some parts
of the urban area were more damaged than other ones: historical cen-
tre, Prati, mazzini, testaccio, San Lorenzo, tufello, montespaccato
and centocelle-tuscolano and some areas near Via giustiniano im-
peratore. moreover, a comparative analysis aimed at defining the role
of geological factors demonstrated that the sectors of the urban area
resting on the alluvial plain had a more significant damage. among
these areas, the historical centre represents a very complex case.
With respect to state-of-art literature on seismic response in
rome’s urban area, the study highlighted the role that geological fac-
tors - namely, the occurrence of recent alluvial deposits - may play in
doubling the effects of an earthquake and the related damage to the
built heritage.
Hence, geological factors are presumably the cause of the seismic
vulnerability observed in the city sectors overlying the alluvial plain.
nonetheless, the causes of the concentration of damage at tufello,
San Lorenzo, centocelle-tuscolano and montespaccato, whose geo-
logical features are fairly different, are still to be explained and de-
serve more thorough analyses.
comunque, di individuare i settori più vulnerabili della città in caso
di risentimento di terremoto. tale scenario può ritenersi valido anche
per risentimenti legati a sismi di più elevata magnitudo quali quelli
associati a sorgenti sismogenetice centro-appenniniche.
tenuto conto della modalità e delle approssimazioni con cui si
è condotto lo studio, l’analisi della distribuzione spaziale sul territo-
rio comunale di roma ha messo in risalto la presenza di settori che,
pur presentando una densità abitativa pari ad altre (basandosi su dati
censuari iStat, 2001), hanno mostrato un maggior danneggiamento
a valle della crisi sismica del 2009. tali settori, in particolare, sono:
il centro Storico, mazzini, testaccio, San Lorenzo, tufello, monte-
spaccato e centocelle-tuscolano e alcune aree in prossimità di Via
giustininano imperatore.
Da una più particolareggiata analisi comparata, volta ad esaltare
i fattori geologici rispetto a quelli di concentratazione abitativa e di
tipologia di edificato (ovvero il quadro di danneggiamento del quar-
tiere testaccio a confronto con quello di garbatella e del quartiere
mazzini a confronto con quello del nomentano), è emerso che i set-
tori in piana alluvionale hanno registrato sistematicamente, per ogni
classe di danneggiamento, un numero significativamente maggiore
di richieste di intervento. tra queste, di particolare significato e com-
plessità è l’area del centro Storico.
L’elemento conoscitivo ulteriore che emerge da questa analisi,
rispetto al quadro di conoscenze disponibile in letteratura in merito
alla risposta sismica locale nell’area urbana di roma, è il peso che il
solo fattore geologico, ed in particolare la presenza o meno di un sot-
tosuolo alluvionale, può assumere sul danneggiamento all’edificato,
causando fino al raddoppio della numerosità dei danni indotti.
Se la presenza di depositi alluvionali recenti è presumibilmente la
causa della particolare vulnerabilità delle aree sorte in piana, è pur vero
che rimangono irrisolte le cause di concentrazione di danneggiamento
in quartieri come il tufello, San Lorenzo, centocelle-tuscolano e mon-
tespaccato, che, almeno in prima approssimazione, non sembrano esse-
re accomunati da particolari contesti geologici ma che, tuttavia, merite-
rebbero un approfondimento delle possibili cause di danneggiamento.
OPERE CITATE / REFERENCES
aa.VV. (2004) - modellazione realistica della sollecitazione sismica per megalopoli e grandi centri urbani. Progetto 414 UnESco/iUgS/igcP. realistic modeling
of seismic input for megacities and large urban areas; the UnESco/iUgS/igcP project 414, geologia tecnica & ambientale, 1: 5-42.
aa.VV. (2011) - La pericolosità sismica nel Lazio, a cura di s
carascia
m
ugnozza
g.. Quaderni dell’italian Journal of Engineering geology and Environment, 4.
casa Editrice Università La Sapienza. 248 pp. iSbn 978-88-95814-61-2
a
Kinci
a, m
alagnini
l.& s
abetta
F. (2010) - Characteristics of the strong ground motions from the 6 April 2009 L’Aquila earthquake, Italy. Soil Dynamics and
Earthquake Engineering, 30: 320-335.
a
mbrosini
s., c
astenetto
s., c
evolan
F., d
i
l
oreto
e., F
uniciello
r., l
iPeri
l. & m
olin
d. (1986) - Risposta sismica dell’area urbana di Roma in occasione del
terremoto del fucino del 13 Gennaio 1915. memorie della Società geologica italiana, 35: 445-452.
b
albi
a., F
rumento
s., l
agomarsino
s. &P
enna
a. (2004) - Una procedura integrata per la valutazione dela vulnerabilità sismica degli edifici scolastici. aniDiS - Xi
cong. naz. “L’ingegneria Sismica in italia”, genova 25-29 gennaio, 2004.
b
enedetti
d. & P
etrini
v. (1984) - On seismic vulnerability of masonry buildings: proposal of an evaluation procedure. L’industria delle costruzioni, 18: 66-67.
b
lumetti
a.m., c
omerci
,v., d
i
m
anna
P., g
uerrieri
l. & v
ittori
e. (2009) - Geological effects induced by the L’Aquila earthquake (6 April 2009, ml = 5.8) on the
natural environment. iSPra - Dipartimento Difesa del Suolo - Servizio geologico d’italia, preliminary report, 38.
background image
DAMAGE SCENARIO INDUCED IN THE CITY OF ROME BY THE L’AQUILA SEISMIC SEQUENCE OF APRIL 2009 (ITALY)
21
Italian Journal of Engineering Geology and Environment, 2 (2011)
© Casa Editrice Università La Sapienza
www.ijege.uniroma1.it
b
onilla
F., b
ozzano
F., g
elis
c., g
iacomi
a.c, l
enti
l., m
artino
s. & s
emblat
J.F. (2010) - multidisciplinary study of seismic amplification in the historical center
of Rome, Italy, atti del 5th int. conf. on recent advances in geotech. Earthq. Engin. and Soil Dynamics, may 24-29 2010, San Diego, california.
b
oschi
e., F
errari
g., g
asPerini
P., g
uidoboni
e., s
mriglio
g.& v
alensise
g. (1995) - Catalogo dei forti terremoti dal 461 a.C. al 1980, ing-Sga, bologna.
b
ozzano
F., a
ndreucci
a., g
aeta
m., s
alucci
r. & r
osa
c. (2000) - A geological model of the buried Tiber River valley beneath the historical center of Rome. bull.
Eng. geol. Env., 59: 1-21.
b
ozzano
F., c
aserta
a., g
ovoni
a., m
arra
F. & m
artino
s. (2008) - Static and dynamic characterization of alluvial deposits in the Tiber River valley: new data for
assessing potential ground motion in the city of Rome. Journal of geophysical research, 113: 1-21.
b
ozzano
F., F
unicello
r., g
aeta
m., m
arra
F., r
osa
c. & v
alentini
g. (1997) - Recent alluvial deposits in Rome (Italy): morpho-stratigraphic, mineralogical and
geomechanical characterisation. Proc. int. Symp. Engineering geology and the Environment, Publ., 1: 1193-1198.
b
ramerini
, F., d
i
P
asquale
, g., o
rsini
, a., P
ugliese
, a., r
omeo
, r. & s
abetta
, F. (1995) - Rischio sismico del territorio italiano. proposta per una metodologia e
risultati preliminari. rapporto tecnico del Servizio Sismico nazionale SSn/rt/95/01, roma.
c
aserta
a., r
ovelli
a., m
arra
F., g
ovoni
a. & d
ellamonica
g. (2009) - Lo scuotimento registrato nella città di Roma durante i più forti terremoti della sequenza
aquilana. gngtS 2009, abstract Volume (2.1) : 274-275.
c
iPollari
P., c
osentino
d. & P
erilli
n. (1993) - Analisi biostratigrafica dei depositi terrigeni a ridosso della linea Olevano-Antrodoco. geologica romana, 29.
c
herubini
a., c
ialone
g., c
iFani
g., d
e
m
atteis
u., g
oretti
a., m
artinelli
a. & c
herubini
F. (2006) - Inventario e vulnerabilità dei sistemi urbani.
c
olozza
r. & d
olce
m. (1995) - vulnerabilità e rischio di danneggiamento degli edifici. memorie descrittive della carta geologica d’italia, 50: 497-542.
cPti04 (2004) - Catalogo parametrico dei Terremoti Italiani dal 217 a.C. al 2002. ingV. website http://emidius.mi.ingv.it/cPti04/
D.g.r. Lazio n. 387 del 22/05/2009.
Dbmi04 (2004) - Database macrosismico Italiano. ingV (http://emidius.mi.ingv.it/Dbmi04).
d
ecreto
m
inisteriale
i
nFrastrutture
e
t
rasPorti
del 14.01.2008 - nuove norme Tecniche per le costruzioni.
d
olce
m. & m
asi
a. (2005) - Linee guida per la valutazione della vulnerabilità di edifici strategici rilevanti. regione basilicata, Dipartimento strutture, opere
Pubbliche e mobilità e centro competenza regionale sul rischio sismico (criS).
d
onati
s., c
iFelli
F. & F
uniciello
F. (2008) - Indagini macrosismiche ad alta densità per lo studio del risentimento sismico nella città di Roma. memorie Descrittive
carta geologica d’italia, 80: 3-13.
d
onati
s., F
uniciello
r. & r
ovelli
a. (1999) - Seismic response in archaeological areas: the Case-History of Rome.. Jour. appl. geophys., 41: 229-239.
F
uniciello
r. & g
iordano
g. (2008) - Carta Geologica del comune di Roma in scala 1:10.000 (18 tavole). Dipartimento Scienze geologiche Università roma 3,
Ufficio di protezione civile e Dipartimento protezione del suolo-aPat.
F
uniciello
r. & r
ovelli
a.(1998) - Terremoti e monumenti a Roma. Le Scienze.
g
alli
P. & c
amassi
r. (2009) - Rapporto sugli effetti del terremoto aquilano del 6 aprile 2009. rapporto congiunto DPc-ingV, 12.
g
alli
P., c
amassi
r., a
zzaro
r., b
ernardini
F., c
astenetto
s., m
olin
d., P
eronace
e., r
ossi
a., v
ecchi
m. & t
ertulliani
a.(2009) - Il terremoto aquilano del 6
aprile 2009: Rilievo macrosismico, effetti di superficie ed implicazioni sismotettoniche. il Quaternario, 22 (2): 235-246.
g
alli
P., g
iaccio
b. & m
essina
P. (2010) - The 2009 central Italy earthquake seen through 0.5 myr-long tectonic history of the L’Aquila faults system. Quaternary
Science reviews, 29: 3768-3789.
ingV (2006) - mappa di pericolosità sismica del territorio nazionale. available at http://zonesismiche.mi.ingv.it/mappa_ps_apr04/italia.html
ingV (2009) - mappa sul risentimento macrosismico del terremoto del 6 aprile 2009. http//terremoto.rm.ingv.it
i
talo
s
olero
(2001) - Roma moderna. Un secolo di storia urbanistica (1870-1970). Piccola biblioteca Einaudi.
K
arner
d.b. & r
enne
P.r. (1998) - 40Ar/39Ar geochronology of Roman volcanic province Tephra in the Tiber River valley: age calibration of middle pleistocene
sea-level changes. am.bull.Soc.geol., 110: 740-747.
K
arner
d.b., m
arra
F. & r
enne
P.r. (2000) - The history of monti Sabatini and Alban Hills volcanoes: groundwork for assessing volcanic-tectonic hazards for
Rome. J.Volcan.geoth.res.
l
agomarsino
s., P
odestà
s., c
iFani
g., l
emme
a. (2004) - The 31
th
October 2002 in molise(Italy): a new methodology for the damage and seismic vulnerability
survey of churches. Proc. of the 13
th
World conference on Earthquake Engineering, Vancouver, bc, canada, Paper 1366 (cD-rom).
m
arra
F. & r
osa
c. (1995) - Stratigrafia e assetto geologico dell’area romana. memorie descrittive della carta geologica d’italia, 50: 49-112.
m
arra
F., r
osa
c., d
e
r
ita
d. & F
uniciello
r. (1998) - Stratigraphic and tectonic features of the middle-pleistocene sediementary and volcanic depostis in the area
of Rome (Italy). Quaternary international, 47/48: 51-63.
m
icrozonazione
s
ismica
dgr l
azio
n. 545 del 26/11/2010, allegati i e ii.
m
olin
d. & g
uidoboni
e. (1989) - Effetto fonti effetto monumenti a Roma: i terremoti dall’antichità ad oggi, “I terremoti prima del mille in Italia e nell’Area
mediterranea”, ing, a cura di E. guidoboni, bologna, 194-223.
m
olin
d., c
astenetto
s., d
i
l
oreto
e., g
uidoboni
e., l
iPeri
l., n
arcisi
b., P
aciello
a., r
iguzzi
F., r
ossi
a., t
ertuliani
a. & t
rania
g. (1995) - Caratteri della
sismicità. mem. Descr. carta geol. d’it., 5: 391-403.
P
anza
g., r
omanelli
F., v
accari
F., d
ecanini
l. & m
ollaioli
F. (2004) - Seismic ground motion modelling and damage earthquake scenarios: a possible bridge
background image
SCENARIO DI DANNEGGIAMENTO INDOTTO NELLA CITTÀ DI ROMA DALLA SEQUENZA SISMICA AQUILANA DEL 2009
22
f. bOzzAnO, A.C. GIACOmI, S. mARTInO & COmAnDO pROvInCIALE vIGILI DEL fUOCO DI ROmA
between seismologists and seismic engineers. 23
rd
general assembly of the international Union of geodesy and geophysics, Sapporo, Japan, 2003.
P
ondrelli
s., s
alimbeni
s., m
orelli
a., e
Kström
g., o
livieri
m. & b
oschi
e. (2010) - Seismic moment tensors of the April 2009, L’Aquila (Central Italy), earthquake
sequence. geophysical Journal international, 180, issue 1: 238-242.
P
restininzi
a., P
ugliese
a. & r.W. r
omeo
(2005) - proposed seismic classification of Italy and related actions. italian Journal of Engineering geology and
Environment, 1/2005. Doi:10.4408/iJEgE.2005-01.o-04.
r
ovelli
a., c
aserta
a., m
alagnini
l. & m
arra
F. (1994) - Assessment of potential strong ground motion in the city of Rome. annali di geofisica, 37 (6): 1745-1769.
r
ovelli
a., c
aserta
a., m
alagnini
l. & m
arra
F. (1995a) - previsione del moto del suolo e modellazione degli effetti locali. memorie descrittive della carta
geologica d’italia, 50: 415-432.
r
ovelli
a., c
aserta
a., ma
lgnini
l. & m
arra
F. (1994) - Assessment of potential strong motion in the city of Rome. annali di geofisica, 37 (6) : 1745-1769.
r
ovelli
a., m
olin
d., m
alagnini
l. & m
arra
F. (1995b) - variability of damage pattern in Rome: combination of source and local effects. riassunti della 5
th
internat.
conf. on Seismic zonation, aFPS-EEri, nice, France, 2: 1359-1366.
s
ara
r
ossi
(1997) - Roma. Strutture e dinamiche. Universale di architettura.
v
alensise
g. (2009) - faglie attive e terremoti: Tempo di cambiare strategie. geoitalia, 28: 12 17.
v
annucci
g., P
ondrelli
s., a
rgnani
a., m
orelli
a., g
asPerini
P. & b
oschi
e. (2004) - An Atlas of mediterranean seismicity. ann. geophys., 47 (1) : 247-302.
v
ittori
e., d
i
m
anna
P., b
lumetti
a.m., c
omerci
v., g
uerriri
l., e
sPosito
e., m
ichetti
a.m., P
orFido
s., P
iccardi
l., r
oberts
g.P., b
erlusconi
a., l
ivio
F., s
ileo
g., W
ilKinson
m., m
c
c
aFFrey
K.J.W., P
hilliPs
r.J. & c
oWie
P.a. (2011) - Surface faulting of the 6 April 2009 m
w
6.3 L’Aquila Earthquake in Central Italy.
bulletin of the Seismological Society of america, 101 (4): 1507-1530.
Received April 2011 - Accepted July 2011
background image
Statistics